1 ₿ = 61,953 $ = 57,125 €
Block Height: 832,867
514.03EH/s Difficulty: 79.35T
Median Fee: 20sat/vB
Edicola Libertaria
Ascolta gli articoli e i podcastIscriviti al feed RSS
Sabato, 2 Marzo 2024 - 22:02

di ARTURO DOILO Venerdì sera, alle 21.00, il presidente Javier Milei s’è presentato puntuale, davanti all’Assemblea legislativa, per tenere il suo discorso inaugurale, come da protocollo. Ma si sa, quando ad esternare è lui, nulla di quanto afferma è ascrivibile tra le banalità della politica. Dopo aver snocciolato – con dati, nomi e cognomi dei…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti registrati. Visita il sito per maggiori informazioni.

The post Pugno di ferro in guanto di velluto: Milei rilancia Il dialogo con “Il Patto del 25 Maggio” appeared first on Miglioverde.


RASSEGNA PER I 460 ANNI DALLA NASCITA DI SHAKESPEARE

READING TEATRALE DI GIUSEPPE PAMBIERI E MICOL PAMBIERI

OLTRE AGLI AUTORI INTERVERRANNO STEFANO CAMPAGNOLO, Direttore Biblioteca Nazionale Centrale di Roma ANDREA CANGINI, Segretario Generale Fondazione Luigi Einaudi ELENA CATOZZI, Biblioteca Museo Teatrale SIAE GIANNI PITTIGLIO, Storico dell’arte e docente presso la Saf ICPAL

MODERA MARIA LETIZIA SEBASTIANI, Responsabile Biblioteca della Fondazione Luigi Einaudi

L'articolo Shakespeare racconta Dante proviene da Fondazione Luigi Einaudi.


Isolation, feudalism, and military dictatorship governed the Asian nation of Japan from 1603 until 1868. Known as the period of the Tokugawa Shogunate, its dissolution was hastened by the stunning appearance of Commodore Matthew Perry’s flotilla of American warships in 1853. He demanded that the Japanese government in Tokyo allow its citizens to trade with Western merchants.

Perry, a native of Rhode Island, is often presented in textbooks as the Pacific vanguard of American imperialism, a disturber of the peace who threatened the Japanese way of life. There is some truth to that, but it’s not as negative as it appears on the surface. Many Japanese welcomed contact with America and other Western trading nations. They saw Perry’s arrival as liberating. Every year, the event is celebrated at festivals in both Newport, Rhode Island, and in Shimoda, Japan, as the beginning of a long friendship interrupted only by the tragedy of World War II.

Traditionalists and nationalists in Japan, of course, resented Western intrusion. Their views would later justify a military build-up to ensure the country’s sovereignty and to thwart the “unequal treaties” Westerners imposed on the country. That build-up would eventually fuel Japanese ambitions for imperialist adventures abroad.

In the 15 years that followed Perry’s venture, the grip of the military dictatorship in Tokyo declined. Civil war erupted. When the smoke cleared in the first few days of January 1868, the shogunate was gone and a coup d’etat ushered in a new era of dramatic change. We call it the Reform Period, or the era of the Meiji Restoration.

That seminal event brought 14-year-old Mutsuhito to the throne, known as Emperor Meiji (a term meaning “enlightened rule”). He reigned for the next 44 years. His tenure proved to be perhaps the most consequential of Japan’s 122 emperors to that time. The country transformed itself from feudal isolation to a freer economy, engaged with the world and became more tolerant at home.

In 1867, Japan was a closed country with both feet firmly planted in the past. A half-century later, it was a major world power. This remarkable transition begins with the Meiji Restoration. Let’s look at its reforms that remade the nation.

For centuries, Japan’s emperor possessed little power. His was a largely ceremonial post, with real authority resting in the hands of a shogun or, before that, multiple warlords. The immediate effect of the Meiji Restoration was to put the emperor back on the throne as the nation’s supreme governor.

In April 1868, the new regime issued the “Charter Oath,” outlining the ways Japan’s political and economic life would be reformed. It called for representative assemblies, an end to “evil” practices of the past such as class discrimination and restrictions on choice of employment, and an openness to foreign cultures and technologies.

After mopping up the rebellious remnants of the old shogunate, Emperor Meiji settled into his role as supreme spiritual leader of the Japanese, leaving his ministers to govern the country in his name. One of them, Mori Arinori, played a key role in liberalizing Japan. I regard Arinori as “the Tocqueville of Japan” for his extensive travels and keen observations about America.

The Meiji administration inherited the immediate challenge of a raging price inflation brought on by the previous government’s debasement of coinage. The oval-shaped koban, once almost pure gold, was so debauched that merchants preferred to use old counterfeits of it instead of the newer, debased issues. In 1871, the New Currency Act was passed which introduced the yen as the country’s medium of exchange and tied it firmly to gold. Silver served as subsidiary coinage.

A sounder currency brought stability to the monetary system and helped build the foundation for remarkable economic progress. Other important reforms also boosted growth and confidence in a new Japan. Bureaucratic barriers to commerce were streamlined, and an independent judiciary established. Citizens were granted freedom of movement within the country.

The new openness to the world resulted in Japanese studying abroad and foreigners investing in Japan. British capital, for instance, helped the Japanese build important railway lines between Tokyo and Kyoto and from those cities to major ports in the 1870s. The new environment encouraged the Japanese people themselves to save and invest as well.

For centuries, the warrior class (the samurai) were renowned for their skill, discipline, and courage in battle. They could also be brutal and loyal to powerful, local landowners. Numbering nearly two million by the late 1860s, the samurai represented competing power centers to the Meiji government. To ensure that the country wouldn’t disintegrate into chaos or military rule, the emperor took the extraordinary step of abolishing the samurai by edict. Some were incorporated into the new national army, while others found employment in business and various professions. Carrying a samurai sword was officially banned in 1876.

In 1889, the Meiji Constitution took effect. It created a legislature called the Imperial Diet, consisting of a House of Representatives and a House of Peers (similar to Britain’s House of Lords). Political parties emerged, though the ultimate supremacy of the emperor, at least on paper, was not seriously questioned. This nonetheless was Japan’s first experience with popularly elected representatives. The Constitution lasted until 1947, when American occupation led to a new one devised under the supervision of General Douglas MacArthur.

Modernization in this era of reform produced Western-style laws governing taxation, banking, and commerce. The old feudal order dissolved into a largely market economy, private property, and the rise of Japanese entrepreneurship. Communications throughout Japan were updated. Stock exchanges materialized. By century’s end, Japan was a unified powerhouse—able to decisively defeat powerful adversaries like China (1894) and Russia (1905) in war.

Meiji Japan was not a liberal paradise. The government tolerated only token criticism. What the Imperial Diet could actually enact was restricted by the Emperor and his ministers. Education, though far more widely available, was controlled by the government. Compulsory military service was introduced. Voting for public offices was limited to a tiny portion of the population, mostly the wealthy. Taxes were high, in part because the government spent heavily on infrastructure and the military.

But the country in 1900 was notably freer, more industrialized and prosperous, and substantially more modern than it had been just three decades earlier. Even a little freedom goes a long way to unleash the creative energies of people.

Emperor Meiji died in 1912, ending the era named for him. His successor, Emperor Taisho, presided over an increasingly expansionist foreign policy. With the European powers busy at war from 1914 to 1918, Japan began making resource and territorial demands on China and the Pacific. In that regard, the Japanese emulated some of the imperialist practices of Germany and Britain in the region—a policy that would eventually lead to war with America.

With ominous implications, the Meiji Period’s nascent measures toward democratic institutions were nipped in the bud as the military’s influence grew in the 1930s. You know what happened next.

In his definitive volume on the era, W. G. Beasley describes the Meiji Restoration as “the historical starting point for the modernization of Japan.” Underscoring the rapidity of the change, Beasley notes that “Japan was able within a generation to claim a place among the powerful and ‘enlightened’ countries of the world.”

To understand modern Japan, one cannot ignore the era that made modernization possible, the Meiji Restoration of 1868-1912.

For Additional Information, See:

The Meiji Restoration and History of Japan’s Rapid Modernization (video) by the Pacific War Channel

15 Important Periods in Japanese History by Ava Sato

The Meiji Restoration by W. G. Beasley

The Meiji Restoration and Modernization by Columbia University’s Asia for Educators


Il viaggio del Divin marchese nella città eterna segna il suo passaggio da uomo a letterato. Così la magnificenza e l'arte hanno influenzato le sue opere successive, a partire da "Juliette"

Di più su questi argomenti:


Emmanuel Macron tira dritto. Nonostante i no arrivati da Stati Uniti e Paesi alleati – Italia in testa – sulla possibilità di inviare truppe occidentali in Ucraina, il presidente francese sembra intenzionato a proseguire sulla sua strada. E nemmeno le minacce arrivate da Mosca, direttamente da Vladimir Putin“le nostre armi possono colpire l’Occidente” – hanno invitato il capo dell’Eliseo a riflettere sul possibile allargamento del conflitto. Le notizie che arrivano da Parigi vanno nella direzione di uno scontro sempre più imminente.

Secondo quanto reso noto da Le Monde, Parigi potrebbe consentire alle forze speciali e ad altre unità militari di attraversare il confine ucraino, creando un “dilemma strategico” alla Russia. Secondo il piano transalpino, la presenza delle truppe francesi potrebbe contribuire a salvaguardare alcuni territori ucraini dagli attacchi russi. Senza dimenticare che dall’inizio dell’invasione russa a Kiev sono presenti enti governativi collegati ai servizi segreti occidentali. E non solo: secondo i report, il personale diplomatico segreto, i consiglieri e gli impiegati dei servizi segreti hanno svolto determinati ruoli nello sforzo bellico.

“La natura di questi servizi è segreta e quindi non sono soggetti alle leggi di guerra”, ha detto a Le Monde l’ex dipendente della direzione generale della Sicurezza esterna francese, Vincent Crouzet. Una fonte diplomatica ucraina, che ha preferito rimanere anonima, ha detto che tutti gli Stati alleati sono già presenti in Ucraina, anche se finora nessuno ha inviato unità combattenti. Nel frattempo, come facile immaginare considerando le esternazioni di Zelensky, Kiev è lieta che la questione di un coinvolgimento più diretto dei partner venga discussa mentre la guerra è entrata nel suo terzo anno.

Leggi anche:

La proposta di Macron di inviare truppe occidentali in Ucraina è stata condivisa dal premier Attal, ma per il momento non ha trovato sponde in Ue. Secondo Le Figaro, il presidente francese riceverà giovedì prossimo all’Eliseo i leader dei partiti francesi per discutere di un eventuale invio di truppe di terra in Ucraina. “Il presidente riceverà giovedì 7 marzo alle 10.30 tutti i leader dei partiti in un formato ‘incontri di Saint-Denis’ dedicato alla situazione in Ucraina”, la conferma dell’Eliseo.

Le notizie delle ultime ore non sono (nuovamente) passate inosservate a Mosca. “La volontà di inviare truppe” in Ucraina “è stata registrata ufficialmente” ma “ufficiosamente sono già lì”, il j’accuse del ministro degli Esteri della Russia, Sergey Lavrov: “Senza questi istruttori, le cosiddette armi a lungo raggio dell’Ucraina non potrebbero essere utilizzate contro le città russe, lo capiamo tutti molto bene. Ci sono molte prove di questo e ne stanno emergendo di nuove”, riporta la Tass.

Massimo Balsamo, 2 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Il Canada segue Emmanuel Macron, Olaf Scholz svela che Uk e Francia aiutano Kiev coi lanci di missili e ora si scopre che gli Usa inviano F-35 al fronte. La Nato è già in campo: la Russia lo sa.

Continua a leggere

La totalità dei Paesi della Nato, tra cui Stati Uniti, Italia, Germania e Regno Unito, hanno escluso lo schieramento di truppe di terra in Ucraina, dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha sorprendentemente affermato che “nulla dovrebbe essere escluso”.

L’uscita di Macron

In sintesi, lunedì sera Macron ha dichiarato in una conferenza stampa: “Non dovremmo escludere che possa esserci un bisogno di sicurezza che poi giustifichi dispiegamento di elementi”. Ha poi aggiunto un sibillino: “Ma vi ho detto molto chiaramente quale sia la posizione della Francia, che è un’ambiguità strategica che sostengo”. Il leader francese ha parlato a Parigi, dove si svolgeva un incontro a sostegno dell’Ucraina, al quale partecipavano i capi di Stato europei (o loro rappresentanti), così come quelli di Stati Uniti e Canada.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha, prontamente e nella logica russa, messo in guardia da un conflitto diretto qualora truppe Nato venissero schierate in territorio ucraino dove, va rilevato, le forze russe hanno recentemente guadagnato terreno. Da sottolineare che in conseguenza di tale dato di fatto, Kiev ha lanciato, anche da Parigi, un nuovo appello urgente per ricevere un sostegno maggiore: in due parole… più armi.

La reazione degli alleati

L’invasione su vasta scala dell’Ucraina lanciata dall’esercito russo è ormai nel suo terzo anno, e al momento non c’è alcun segno che la più grande guerra in Europa dai tempi della Seconda Guerra Mondiale possa finire presto. Come logico e forse voluto, le frasi di Macron hanno suscitato risposte da altri Paesi europei e membri Nato.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ritiene che la “via verso la vittoria sia fornire aiuti militari così che le truppe ucraine abbiano le armi e le munizioni di cui hanno bisogno per difendersi” e il presidente è stato chiaro sul fatto che gli Stati Uniti non invieranno truppe a combattere in Ucraina.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che non vi è stato alcun cambiamento rispetto alla posizione concordata secondo cui nessun Paese europeo o membro Nato invierà truppe in Ucraina.

Il portavoce del primo ministro britannico Rishi Sunak ha affermato che il Paese non ha piani per un dispiegamento militare su larga scala in Ucraina, al di là del piccolo numero di personale che già addestra le forze ucraine. Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha affermato che il convinto e confermato sostegno dell’Italia esclude l’invio di truppe sul territorio ucraino.

In precedenza, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg aveva negato che l’Alleanza avesse preso in considerazione l’invio di truppe in Ucraina, anche se ha insistito sulla posizione per cui l’Alleanza continuerà a sostenere l’Ucraina e questa posizione è stata prontamente condivisa da numerosi stati membri, tra cui Spagna, Polonia e Repubblica Ceca.

Nei suoi commenti Peskov, nel definire il pensiero di Macron “un nuovo elemento molto importante” ha aggiungendo che tale ipotesi, a parere di Mosca, non era assolutamente nell’interesse dei membri della Nato. “In tal caso, dovremmo parlare non della probabilità, ma dell’inevitabilità del conflitto diretto“, ha affermato Peskov.

Il pacchetto di aiuti Usa

Al momento, l’analisi del conflitto evidenzia che le forze russe dispongono di una capacità militare, sia di artiglieria sia delle relative munizioni, molto superiore all’Ucraina, le cui truppe dipendono in modo critico dalle armi fornite dagli alleati occidentali, in particolare dagli Stati Uniti.

In merito, martedì scorso, durante un incontro a Washington, il presidente Biden ha esortato i leader del Congresso ad approvare il pacchetto di aiuti statunitensi da 95 miliardi di dollari, che include 60 miliardi di dollari per l’Ucraina. Chi porta avanti l’approvazione del pacchetto ha dovuto affrontare una dura battaglia alla Camera dei Rappresentanti. Lo Speaker della Camera, il repubblicano Mike Johnson, ha tenuto la posizione durante l’incontro insistendo che prima dell’approvazione saranno necessarie ulteriori riforme sulla questione dei confini statunitensi.

Johnson ha affermato che la crisi al confine tra Messico e Stati Uniti è la sua priorità. Biden si è già offerto di includere alcune riforme nel pacchetto ma i Repubblicani insistono sulle loro richieste per “fermare l’invasione” di migranti. Logico che sia un passo cruciale nel percorso del sostegno occidentale in quanto gli Stati Uniti sono di gran lunga il maggior contribuente di aiuti militari a Kiev. La Germania è al secondo posto con impegni per 17,7 miliardi di euro nello stesso periodo, seguita dal Regno Unito che ha fornito 9,1 miliardi di euro di aiuti.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, che ha preso parte in collegamento video all’incontro di lunedì scorso a Parigi, ha affermato che “tutto ciò che facciamo insieme per difenderci dall’aggressione russa aggiunge vera sicurezza alle nostre nazioni per i decenni a venire”.

Macron non aiuta

Quanto precede evidenzia che se la guerra si combatte anche attraverso l’informazione, la priorità numero uno restano le armi e ora più che mai Kiev torna a insistere sulla necessità del supporto dei partner. I numeri danno una misura della guerra che non offre da settimane buone notizie agli ucraini e in tale quadro le dichiarazioni del presidente francese non aiutano per nulla sul piano pratico in quanto, per alcuni analisti, questa volta sarà Mosca a lanciare un’offensiva (senza pubblicizzarla) a maggio o in primavera.

Tornando alle affermazioni di Macron si spera non voglia emulare il suo predecessore Nicholas Sarkozy, quando accelerò pesantemente l’intervento Nato in Libia. Ricordiamoci che l’Italia fu, ed è, vittima della “scellerata” decisione francese, quella appunto di Sarkozy che nel 2011 ebbe un ruolo determinante per l’avvio dell’attacco militare contro Gheddafi. Oggi a Tripoli e Bengasi spadroneggiano milizie libiche, turchi, russi, e questo dimostra che probabilmente fu un errore far cadere Gheddafi. In quei giorni concitati apparve doveroso proteggere i civili libici insorti spontaneamente contro il regime… ma oggi in Libia non si sta meglio!

Infine, c’è chi avanza l’ipotesi che tale attivismo da “uomo forte’’ sia connesso alle elezioni europee 2024, che stando agli ultimi sondaggi elettorali potrebbero sancire un autentico trionfo per Marine Le Pen con il suo Rassemblement National e un tonfo, invece, per Emmanuel Macron.

Un voto che arriva in un momento molto delicato per la Francia, attanagliata dalla crisi economica e zavorrata dall’aumento del debito pubblico mentre anche Oltralpe gli agricoltori sono da tempo sul piede di guerra. Le elezioni europee 2024 potrebbero quindi rappresentare in Francia una sorta di antipasto in vista delle presidenziali del 2027, quando Macron, ora al suo secondo mandato, non potrà ripresentarsi, e con Marine Le Pen che sembrerebbe avere la strada spianata verso l’Eliseo.


Una buona postura è la chiave per apparire bene nelle fotografie. Rocky, insegnante di danza classica cinese, ritiene che la forza dei muscoli addominali sia il segreto di una buona postura. In questo articolo condividerà tre consigli per rafforzare i muscoli del core e apparire bene nelle foto.

Rocky, che ha un fisico longilineo e snello, afferma che i muscoli lunghi e solidi sono chiamati muscoli naturali. Sono i muscoli che usiamo nella vita quotidiana.

«Mi alleno con i pesi quattro volte alla settimana. Anche se sono consapevole che l’allenamento con i pesi può rendere il mio fondoschiena più robusto e la parte superiore delle braccia più formosa, non voglio costruire muscoli grandi», spiega Rocky.

«Il principio dell’allenamento con i pesi sta nel fatto che, aumentando il carico sui muscoli, questi si lesionano leggermente e, man mano che il corpo ripara i muscoli lesionati, la forza e le dimensioni dei muscoli aumentano, quindi i muscoli diventano sempre più forti man mano che ci alleniamo».

Rocky ha spiegato che mentre l’allenamento con i pesi richiede del tempo in più in palestra, i muscoli naturali si sviluppano nella vita quotidiana.

«Se si usa la forza muscolare nel modo giusto, è come se si facesse esercizio quando si lavora, si mangia e si cammina, il che aumenta notevolmente il tempo in cui esercitiamo i muscoli».

La forza del core è fondamentale per una buona postura

La chiave per sviluppare i muscoli naturali è il controllo, che richiede la forza del core (cioè la zona addominale e lombare), secondo quanto afferma Rocky. La forza del core si riferisce all’area sotto l’ombelico, che comprende il centro energetico, la bassa schiena e i due tendini sopra i glutei. La forza muscolare di questa parte centrale del corpo è come il motore di un’automobile. Se si installa un motore Ferrari in una Toyota, quest’ultima funzionerà in modo più simile a una Ferrari.

«La cosa più importante è la forza della schiena», ha sottolineato.

La debolezza dei muscoli addominali superiori provoca dolori alle spalle e al collo. Ne sono prova le persone anziane che hanno difficoltà ad alzarsi dal letto. La debolezza dei muscoli addominali laterali influisce anche sul movimento di rotolamento e rotazione.

Sebbene molti pensino che il dolore al ginocchio sia un problema del ginocchio, in realtà è legato all’anca e la forza dei muscoli addominali inferiori è il fattore principale che influenza il movimento dell’anca. Se i muscoli anteriori non sono forti, quelli posteriori non saranno migliori. Il dolore alla schiena e alla vita non riguarda solo la schiena e la vita.

La forza del core si riferisce generalmente all’area cilindrica sotto il diaframma e sopra i muscoli del fondo pelvico. La maggior parte delle persone esercita la parte superiore e inferiore dell’addome e i muscoli addominali laterali, ma raramente la schiena.

«Per apparire bene nelle foto, bisogna imparare a stare con la schiena dritta», osserva Rocky. «Uno può stare dritto perché ha la forza della schiena. In effetti, sviluppare gli addominali significa anche sviluppare la forza della schiena».

3 consigli per rafforzare la schiena

Provate questi esercizi per rafforzare la schiena. Potete fare 12 ripetizioni per ciascuno dei primi due esercizi, poi ripetere due o tre serie o modificarle in base alle vostre capacità. L’ultimo esercizio può essere eseguito per il tempo più adatto.

  1. Sollevamento gambe

    – Sdraiarsi sulla schiena. – Mettere i palmi delle mani sotto i glutei – Stabilizzare il corpo e poi sollevare le gambe con la forza della vita.

Secondo Rocky, gli esercizi da sdraiati non devono coinvolgere il centro di gravità. Utilizzate solo la forza della schiena e dei muscoli addominali.

  1. Situp– Sdraiatevi sulla schiena con le gambe piegate alle ginocchia e i piedi appoggiati al pavimento. – Usare la forza della schiena e degli addominali per alzarsi, fino a sedersi. Potete chiedere a qualcuno di fare pressione sui vostri piedi, se può essere d’aiuto.

In questo modo non solo si rafforza la schiena, ma si esercitano anche i muscoli addominali.

  1. Corsa

La corsa costringe la schiena a lavorare. Una volta rafforzati i muscoli dorsali e addominali, correre sarà molto più facile.

Per apparire bene in foto, oltre ad avere la schiena dritta, è importante anche allungare il collo. Il collo appare allungato quando le spalle sono rilassate, e le spalle possono rilassarsi quando il core è forte.

La sindrome dell’incrocio superiore, che si manifesta con spalle arrotondate, schiena ingobbita e collo a tartaruga, è causata dalla debolezza dei muscoli addominali. Rafforzare il core aiuterà a mantenersi in salute, ad avere un aspetto sicuro e più snello e ad allungare visivamente il collo.

Per i lavoratori d’ufficio sedentari, Rocky ha offerto tre suggerimenti su come rilassare le spalle e il collo:

  1. Utilizzare un cuscino lombare rigido: Ogni volta che vi piegate all’indietro o rilassate la postura su una sedia, il cuscino rigido vi ricorderà di stare seduti dritti.
  2. Controllatevi: Ricordatevi di fare della buona postura uno stato naturale.
  3. Impostare una sveglia: Lasciare la sedia ogni 20 minuti. Non stare seduti per lunghi periodi.

 

Articolo in lingua inglese: To Look Good in Photos, Core Strength Is Key

NEWSLETTER *Epoch Times Italia*

L'articolo Per venire bene nelle foto, il segreto è nella zona addominale sembra essere il primo su Epoch Times Italia.


Il sindaco di Pontoglio, nel Bresciano, nega la cittadinanza a una marocchina “che non conosce una parola di italiano” e la sinistra grillopiddina sbraita al razzismo. Adesso il ministro scolastico Giuseppe Valditara propone corsi integrativi di calcolo e di italiano per chi non lo parla e ancora la sinistra grillopiddina ci vede il razzismo, il fascismo: forse che l’integrazione passa per l’analfabetismo? Valditara, uno che troppo spesso si distingue per sudditanza woke, uno che voleva imbarcare Cecchettin per farlo predicare di patriarcato negli istituti, questa volta ha fatto una cosa non di destra, o di sinistra, o di sopra o di sotto: semplicemente di civiltà e di inclusività, di tutela anzitutto per gli studenti stranieri. Non esiste condizione, sensazione peggiore e più tragica di quella di chi, in una terra sconosciuta, non è in grado di comunicare e si ritrova derelitto ai bisogni più elementari e inesprimibili, inaccessibili. Cosa ha proposto il ministro? Non scuole o classi separate, muri tra sezioni, divisioni come nei blok nazisti, ma corsi intensivi di supporto e di soccorso affinché quanti non in grado di comunicare nella lingua del Paese che li accoglie possano rimediare in una ragionevole celerità. Quanto a dire l’esatto contrario della ghettizzazione che ci vede la sinistra: se mai la fine dell’isolamento, la sghettizzazione, le condizioni primarie e irrinunciabili per inserirsi. E che altro dovrebbe fare uno Stato responsabile, sia verso i suoi indigeni sia per gli esotici che ne entrano a far parte?

La sinistra parolaia e populista è sempre pronta, a parole, a schierarsi per i bisogni, per le classi lavoratrici ma nessuno si prende la briga di chiedere a un insegnante come si trova nel vortice di un tempo selvaggiamente migratorio, che bene o male bisogna poi assimilare. E non lo chiede, la sinistra salottiera che ha tutte le risposte, in negativo, perché sa benissimo cosa si sentirebbe rispondere: che no, non è possibile alcuna attività didattica con chi non mastica almeno un italiano elementare, basilare; che insegnare a generazioni di nuovi o prossimi italiani senza l’uso dell’italiano è peggio che un ossimoro, è un girone dantesco; e che però bisogna pur rimediare, cosa che le scuole, e in esse gli insegnanti di maggior volontà, tentano a proprie spese, sulla propria fatica, fuori dall’orario scolastico, con generosità inesausta ma sfinente, totalmente abbandonati dalla politica cialtrona e parolaia.

Adesso un ministro si propone di risolvere in qualche modo una questione impossibile, tipica del demenziale italico: italianizzare chi non può sentirsi italiano e, non potendolo, non vuole o ci rinuncia, resta autoghettizzato nei propri gesti, nei conati penosi da mimo sociale, in una lingua autoctona che dove è adesso non funziona o funziona solo tra simili. Alimentando il cerchio dell’autoesclusione e della diffidenza. Perché mai il sindaco di Pontoglio avrebbe dovuto nazionalizzare una nordafricana che a 21 anni resta impermeabile alla lingua in cui volente o nolente è chiamata ad esprimersi, a palesare bisogni e a rivendicare diritti, cioè a vivere tra i vivi, a esistere socialmente? Il ministro Valditara è della destra light e non osa, non si sogna neppure di proporre classi separate quanto finestre didattiche adatte per gli scolari bisognosi di supporto linguistico e matematico: ma è quanto basta alla sinistra grillina e piddina per delirare. C’è del pazzesco nelle obiezioni di certi demagoghi: no alle classi ghetto, così si peggiora il problema, le soluzioni sono altre.

Ma nessuno le ha mai proposte né si sogna di proporle. Per cui non resta che un sospetto: per la sinistra inclusiva a parole, ma afasica per quanti abbandonati a loro stessi, il concetto di integrazione e di inclusione ha a che fare con l’irresponsabilità e l’indifferenza alla arrangiatevi e si salvi chi può. Ma è sociologicamente provato che chi non può comunicare finisce nella schiera dei marginali, finisce per delinquere, che forse è la prospettiva da cui la sinistra che si pretende accogliente si sente più sedotta. Predica questa sinistra poltronifera: “Servono mediatori e mediatrici culturali, rafforzare l’organico dove c’è più bisogno, supporto scolastico e lezioni di lingua italiana per stranieri. Così si affronta una questione seria, non con la propaganda”. Che è come dire che ci vogliono precisamente le cose, gli strumenti che il ministro light tenta minimamente di introdurre (non ci riuscirà, in Italia qualsiasi proposito è per definizione sbagliato, azzardato, avventato e alla fine arriva Mattarella e chiude la questione con qualcuna delle sue formule rotonde e inconcludenti). Ovvero la sinistra che sa sempre tutto, perché qualsiasi problema lo rimanda a soluzioni differite e impraticabili, se la cava con la propaganda che addebita agli altri.

Leggi anche:

Ma ancora più insopportabile, più scioccamente inconsistente è la non soluzione della Cgil scuola che per bocca di una segretaria Gianna Fracassi così risolve la questione: “Noi pensiamo che l’inclusione passi per il potenziamento dell’offerta formativa”. Che tradotto dal sindacalese ineffabile sarebbe: dateci soldi, più soldi, e poi a farli girare ci pensiamo noi. Insomma l’ennesima storia italiana per cui di fronte ad una situazione di ritardo che penalizza tutti a partire dagli utenti, passando per i funzionari dello Stato che sono gli insegnanti per arrivare alla società nel suo complesso, la destra light non va giù dura, come certi Paesi dell’est, ma chiede permesso alla sinistra la quale le risponde: non se ne parla, compito dello Stato non è risolvere problemi ma crearli o aggravarli; così che ne sorge la necessità di nuovi finanziamenti, nuovi sprechi, nuove prebende per noi che lo Stato lo incarniamo, mangiandolo, pro tempore. Ma un tempo che non deve finire mai. Che squallore però, che miseria politica.

Max Del Papa, 1 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Le sanzioni funzionano? Quando la Russia cominciò l’invasione dell’Ucraina, la prima risposta fu di inasprirle.

Il peso delle sanzioni a Putin – Alessandro De Nicola

L'articolo Il peso delle sanzioni a Putin proviene da The Adam Smith Society ETS.


Clima rovente tra Russia e Occidente. Tutto merito, si fa per dire, del presidente francese Emmanuel Macron, che di punto in bianco ha deciso di cambiare passo sull’Ucraina, ipotizzando l’invio di truppe per aiutare l’esercito di Volodymyr Zelensky. Un’uscita folle, che ha costretto gli alleati – Stati Uniti, Italia e Germania in primis – a correggere il tiro. La reazione del Cremlino è stata a dir poco muscolare: Vladimir Putin ha ricordato che le armi russe possono colpire l’Occidente. A gettare benzina sul fuoco ci pensa ora il Canada.

Come riportato da Toronto Star, il ministro della difesa canadese Bill Blair ha aperto all’ipotesi di inviare truppe in Ucraina “a determinate condizioni”. Il braccio destro di Justin Trudeau ha evidenziato che gli istruttori canadesi potrebbero partire per Kiev per addestrare i soldati di Zelensky. L’accordo di sicurezza firmato da Canada e Ucraina prevede che Toronto possa tornare a guidare corsi di formazione in Ucraina “quando le condizioni lo consentiranno”.

“Non voglio inviare il personale delle forze armate vicino a un teatro di combattimento che potrebbe creare la percezione che stiamo assumendo un ruolo attivo in battaglia”, ha precisato Blair, ma il rischio è proprio quello: di dare una “scusa” alla Russia per allargare il conflitto. L’esercito canadese ha già una piccola presenza in Ucraina per proteggere il personale diplomatico e ha già addestrato migliaia di soldati ucraini come parte dell’operazione Unifier.

Insieme al premier italiano Giorgia Meloni, al premier belga Alexander De Croo e alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il premier del Canada Trudeau ha visitato Kiev nella giornata di sabato per firmare con Zelensky il patto sulla sicurezza che include un impegno per 320 milioni di dollari in nuove spese militari entro la fine dell’anno. “Putin non può vincere”, le sue parole: “L’Ucraina vedrà la vittoria, proprio come è successo su questo terreno due anni fa”.

Il Canada è sempre stato in prima fila per aiutare l’Ucraina nella guerra con la Russia e Trudeau non ha lesinato attacchi frontali a Putin. Un impegno a parole ma anche concreto. Di pochi giorni fa la notizia dell’invio a Kiev di 800 droni: “I droni sono emersi come una capacità critica nella lotta dell’Ucraina contro l’aggressione russa. Con questi mezzi le truppe saranno in grado di raccogliere più consapevolezza e informazioni sulla situazione, in modo da poter valutare gli obiettivi più rapidamente e con maggiore precisione”. Il ministro Blair ha aggiunto: “Al secondo anniversario dell’invasione illegale della Russia, il Canada è fermamente al fianco dell’Ucraina in difesa della libertà e della democrazia”.

Massimo Balsamo, 1 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Abbiamo passato mesi e mesi a parlare di patriarcato, di femminismo, dell’importanza di credere alle donne e di punire gli uomini violenti. E adesso i centri sociali o gli autonomi, chiamateli anarchici se volete, si inceppano in quello che è sempre stato il grande quesito della lettura sinistra della realtà: difendere il “compagno” dall’espulsione in quanto straniero, oppure rivendicare i temi cari alle femminst*?

Due giorni fa a Torino un gruppo di anarchici ha preso d’assalto un’auto della polizia che stava portando in questura un pregiudicato per avviare le pratiche di espulsione. Gli antagonisti hanno prima cercato di sabotare gli uffici della Asl dove si svolgono alcune delle operazioni burocratiche utili al rimpatrio, poi si sono radunati sotto gli uffici della polizia torinese e hanno cercato di strappare “con uno slancio di solidarietà” il loro amico dalle “grinfie” degli agenti. Risultato: un poliziotto è rimasto ferito, le immagini hanno fatto il giro d’Italia e hanno provocato un minimo di sdegno, anche se non pari a quello per le manganellate di Pisa. Sergio Mattarella ha telefonato al ministro Piantedosi, esprimendo solidarietà. E Giorgia Meloni ha rimarcato come il raid sia il logico frutto dall’opera di delegittimazione verso le forze dell’ordine che tanti, in questi giorni, stanno portando avanti.

Fatto sta che oggi è apparso un documento che rivendica l’assalto all’auto della polizia, scritto ovviamente rispettando i dettami gender dell’asterisco inclusivo. I rivoltosi definiscono il 31enne “un nostro compagno”, un “nostro amico”, e per questo hanno “tentato il possibile” per “inceppare il suo trasferimento in un Cpr” dove, delirano, potrebbe essere “torturato” per poi un giorno “arrivare alla deportazione”. Gli anarchici sono convinti che il sistema delle espulsioni abbia tanti “tasselli” e che siano a loro modo “vulnerabili”, come dimostrato dalla “sorpresa degli sbirri nel dover gestire” quanto successo due giorni fa. Il 10 marzo è previsto un nuovo presidio sotto le mura del Cpr di via Corelli a Milano dove si trova il loro amico di origine marocchina. Saranno in tanti a ricordare che “i poliziotti non picchiano solo ai cortei, non colpiscono solo gli avversari di questo o quel governo” ma “pestano tutti i giorni, per garantire a suon di botte che la società dello sfruttamento rimanga tale“.

Piccolo problema. Il giovane immigrato non è stato fermato dalle forze dell’ordine per divertimento. Il 31enne è irregolare sul territorio italiano (fatto che, di per sé, basterebbe a giustificarne il fermo). Ma è pure pluripregiudicato e già raggiunto da un decreto di espulsione nel 2022. Il “compagno” può vantare un curriculum di tutto rispetto, secondo La Presse: 13 condanne sulle spalle, tra cui una per violenza sessuale di gruppo. I poliziotti sono riusciti ad ammanettarlo nella notte tra il 27 e il 28 febbraio mentre imbrattava i muri di un sottopassaggio con scritte offensive proprio verso la polizia. Niente di strano, dunque: un signore pregiudicato, che non ha osservato l’ordine di espulsione e che imbratta i muri, come minimo finisce in carcere e il prima possibile di nuovo al Paese d’origine. Per questo è stato trasferito prima negli uffici immigrazione, poi all’Asl per un controllo e infine nel Cpr, nonostante il tentativo violento di liberarlo messo in atto dai suoi sodali. Sono 15 le persone denunciate per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento.

Franco Lodige, 1 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Siamo stati nella scuola di formazione politica di Forza Italia a Salerno. L'obiettivo della nostra associazione è rendere il liberalismo l'ideologia leader in Italia, presentandone i successi storici e le promettenti prospettive future. Siamo grati ai giovani di Forza Italia per averci dato l'opportunità di partecipare. 430039441_457023879981304_2268223246995403598_n 429765196_457023903314635_2965391426493260113_n 429792530_457023929981299_433070031250069022_n


È stata data la notizia che l’esercito israeliano ha fatto strage di civili palestinesi che stavano prendendo aiuti umanitari, che si tratti della solita notizia passata secondo i soliti standard è palese, per cui è necessario fare ordine su come sono andate le cose e chiarire di chi sono le responsabilità di ciò che è accaduto. Si è trattato di due eventi distinti anche se avvenuti a poca distanza di tempo uno dall’altro.

Basta guardare il filmato aereo del trasporto degli aiuti umanitari nel nord della Striscia di Gaza, dove si vede chiaramente come la folla ha attaccato i camion. Il risultato sono state decine di persone morte e ferite a causa del sovraffollamento e del calpestio. In questo frangente c’è stato il maggior numero di vittime e, come si vede chiaramente, non c’erano militari israeliani in zona. Quando i camion sono stati attaccati, gli autisti, probabilmente impauriti dalla gente che saliva sui loro mezzi in movimento, non si sono fermati e, nonostante i video ripresi dai droni, i propagandisti palestinesi hanno subito accusato Israele di un “massacro” che sarebbe avvenuto in via Al Rashid a Gaza City.

In un primo momento hanno anche accusato l’IDF di aver bombardato la folla in attesa di ricevere aiuti umanitari. Ma non essendoci stato nessun bombardamento dall’alto, le immagini parlano chiaro, proprio nel momento in cui il portavoce dell’esercito ha rilasciato le immagini riprese dai droni, l’accusa di bombardamento si è dissolta e le varie testate internazionali, ormai palesemente schierate con il terrorismo, l’hanno cancellata e dimenticata. Un semplice errore, subito corretto, che però avrebbe potuto inficiare il percorso giornalistico che va tanto di moda. Poco male, perché coloro che sono pronti a credere a tutto sono anche ben disposti a dimenticare particolari che non si abbinano bene con ciò che è utile alla vulgata generale.

Basta guardare il filmato aereo per capire che il secondo evento si è registrato invece quando una parte di questa folla si è poi diretta verso i tank israeliani che stazionavano in zona a protezione dei camion. Dopo un lasso di tempo che variava dai 30 ai 45 minuti, una parte di quella stessa folla si è poi rivolta verso i militari israeliani con l’intenzione di ingaggiare battaglia. Si sono avvicinati oltre il consentito e dopo diversi avvertimenti in arabo attraverso i megafoni, i militari israeliani sono stati costretti a sparare, prima in aria e poi verso il basso rispettando le regole di ingaggio in base agli standard internazionali da applicare in zone di guerra.

In questi filmati si vede come uno dei carri armati indietreggia lentamente proprio per non investire qualcuno che potrebbe trovarsi sul retro. Proprio perché la gente era accalcata sui camion, questi carri armati non sono potuti intervenire in occasione dell’assalto. La polizia militare e la procura militare dell’esercito israeliano stanno comunque indagando per capire le dinamiche dei fatti. Le notizie che parlano di centinaia di morti per mano israeliana sono false, il vice Ammiraglio Hagari, portavoce delle forze armate, ha dichiarato che sono una decina i morti per mano israeliana e non centinaia come riportato da gran parte dei media internazionali. Non appena si è avuto notizia dei fatti, e senza aspettare alcuna conferma, Arabia Saudita, Egitto e Giordania hanno accusato Israele di aver preso di mira i civili nell’incidente e, in dichiarazioni separate, hanno chiesto maggiori passaggi sicuri per gli aiuti umanitari.

I tank erano lì proprio per garantire un minimo di sicurezza, ma se fossero intervenuti il numero dei morti sarebbe stato molto più alto. Chiedono a Israele di garantire la sicurezza ma non pretendono da Hamas di smettere di depredare gli aiuti umanitari per poi rivenderli al mercato nero agli stessi palestinesi che dovrebbero esserne i beneficiari. Hanno inoltre esortato la comunità internazionale a intraprendere azioni decisive per fare pressione su Israele affinché rispetti il diritto internazionale e raggiunga un accordo per un cessate il fuoco immediato. Ma non esortano mai nessuna pressione su Hamas per il rilascio degli ostaggi verso i quali il mondo intero non prova nessuna pietà, lo abbiamo visto, praticamente in tutto il mondo, con quale rabbia vengono strappati i cartelloni con le loro fotografie.

Michael Sfaradi, 2 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Da noi siamo allo 0,8%, in Germania al +2,5% e in Francia al 2,9%. Buoni segnali da Pil e debito che, con meno austerità, scende più degli altri al netto degli interessi.

Continua a leggere
img

Il gruppo terroristico annuncia i decessi, incolpando i raid. Liberati 50 palestinesi. Ma su Gerusalemme è pioggia di critiche dopo le cento vittime in coda per gli aiuti.

Continua a leggere

I fatti più interessanti della settimana, secondo il vostro Titolare. In questa puntata:

Diventa un supporter di questo podcast: https://www.spreaker.com/podcast/phastidio-podcast--4672101/support.

https%3A%2F%2Fsubstack-post-media

Read more


image-post-vale-bce-700x500

 
Un recente articolo su Bitcoin pubblicato sul blog della Banca Centrale Europea ha suscitato molto scalpore all’interno della community. Per l’ennesima volta, la tecnologia dell’oro digitale viene dipinta dalle istituzioni come uno strumento utile solo a trafficanti e malavitosi e, immancabilmente, anche dannoso per l’ambiente.
Sorvolando sulla pretestuosità delle affermazioni dei due autori in questione, questo articolo racchiude in realtà degli aspetti strategici davvero interessanti.

 

 

Un brand senza portafoglio

 

Bitcoin riguarda un fenomeno sociale quasi unico nella storia. Uno strumento lanciato in produzione il 03 gennaio 2009 che, fin dal giorno zero, non ha fatto affidamento su un solo centesimo di sponsorizzazione o di campagne pubblicitarie per farsi conoscere.

L’assenza di un qualsiasi coordinatore centrale e le sue caratteristiche intrinseche di decentralizzazione hanno necessariamente comportato la completa assenza di un ufficio marketing dedicato a questo progetto.

Bitcoin non veniva (e non viene) presentato attraverso alcun canale di comunicazione istituzionale o commerciale. Nessuno spot in TV, nessun annuncio in radio, nessun trafiletto a pagamento su un quotidiano, nessuno studio serio avanzato negli ambiti accademici. Per farsi conoscere, Bitcoin ha, da sempre, dovuto camminare sulle sue sole gambe.

Fin dall’inizio, se qualcuno avesse voluto avvicinarsi – e realizzare anzitutto la sua esistenza – avrebbe semplicemente dovuto “scoprirlo” in modo accidentale o fortunoso (così è stato anche per il sottoscritto).

Nonostante ciò, Bitcoin rappresenta oggi una sorta di “brand” conosciuto pressoché in tutto il mondo. Tutti ne hanno sentito parlare. Dopo soli 15 anni, senza alcuna spesa di marketing, l’esistenza di Bitcoin è nota in ormai tutti gli angoli del pianeta.

Ma come accelerare a questo punto la sua diffusione? Per compensare la mancanza di un dipartimento marketing centralizzato, ci vorrebbero idee o proposte nuove.

 

Nuovi vestiti dell’imperatore nudo?

 

A febbraio 2024 viene pubblicato sul blog ufficiale della BCE, a firma di tali Ulrich Bindseil (per noi “Ulrico”) e Jürgen Schaaf (per noi “il fido Giorgio”), un articolo teso a screditare pesantemente Bitcoin a partire dalla notizia dell’approvazione degli ETF spot da parte della SEC, che ha reso possibile agli investitori americani l’acquisto indiretto dell’asset bitcoin.

 

immagine-articolo-blog-bce

L’articolo in questione pubblicato il 22 febbraio 2024 sul blog della BCE

 

Si tratta di un articolo eloquente, senza bisogno di troppi commenti: una lunga serie di inesattezze e di luoghi comuni su Bitcoin. Stessi luoghi comuni, del resto, rivolti da tutti i detrattori fin dai primi anni di vita di questo giovane protocollo.

Nell’articolo vengono elencati proprio chiaramente 3 punti distinti:

  1. Bitcoin sarebbe usato solo da riciclatori, criminali e pervertiti, arrivando addirittura a presentarlo successivamente come «la moneta dei crimine che finanzia il male» (!);
  2. come forma di investimento, Bitcoin sarebbe una pessima idea in quanto solamente un «potenziale modo per perdere soldi»;
  3. Infine, con il suo algoritmo della proof-of-work Bitcoin (e come poteva mancare?) sarebbe chiaramente «dannoso per l’ambiente».

Per i due burocrati, queste uscite non rappresentano affatto una novità: già in passato la BCE avevano esternato enormi perplessità su Bitcoin (per usare un eufemismo) in un altro articolo pubblicato a novembre 2022.

Tuttavia, ad un’analisi più attenta, non è tutto come sembra all’apparenza: Ulrico e il fido Giorgio, in realtà, sono dei veri pionieri.

 

Nuove frontiere del marketing

 

Dal punto di vista comunicativo, la situazione peggiore ai fini della consapevolezza e della diffusione di un fenomeno presso il pubblico generalista è quella di non parlarne affatto. Meno se ne parla, meglio è. Il silenzio è l’arma migliore per rallentarne la diffusione.

Questa appare tuttora la principale strategia di comunicazione sia da parte dei mass media che degli ambiti accademici. Se ci pensiamo, Bitcoin non viene mai approfondito o illustrato seriamente. Gli unici e sporadici casi in cui se ne parla fanno riferimento soltanto a fatti di cronaca sui media legati ad esempio a crolli di prezzo, a eventi di hacking, a fallimenti di grossi exchange o a casi di truffe legate al generico ed estraneo “mondo crypto”.

Bitcoin non viene mai affrontato nei canali istituzionali e generalisti con la giusta attenzione e il giusto rigore che richiede un fenomeno complesso e interdisciplinare come questo.

È qui che entrano in scena Ulrico e il fido Giorgio, che hanno individuato un modo davvero eccellente per scardinare questa strategia comunicativa e offrire così un nuovo slancio alla diffusione dell’oro digitale.

Nell’articolo in questione i due burocrati arrivano infatti ad affermare l’esatto contrario rispetto a quello che, con un minimo di ricerca, qualsiasi utente in buona fede potrebbe smentire in fatto di Bitcoin. Quelle che riportano nel pezzo sono grossolane inesattezze, talvolta pure falsità.

L’effetto che ne scaturisce è boomerang, ma riguarda molto più di un tradizionale effetto Streisend: la strategia di Ulrico e del fido Giorgio è proprio Marketing 4.0 *, la nuova frontiera in ambito commerciale per ottimizzare le strategie promozionali.

Per diffondere un progetto sprovvisto di finanziamenti e uffici marketing centralizzati, questi nuovi promoter di Bitcoin hanno pensato bene di:

  • pubblicare un articolo assolutamente non richiesto;
  • toccare alcuni punti tecnologici, sociali e monetari nevralgici di Bitcoin, entrando nel merito della questione (tra cui la scalabilità, il concetto di proof-of-work o quelli di risparmio e riserva di valore);
  • utilizzare il canale ufficiale della BCE, di fatto il concorrente naturale di Bitcoin;
  • avanzare affermazioni talmente pretestuose da permettere a chiunque di cogliere facilmente l’elevato grado di faziosità dell’articolo.

Uno spot esemplare per Bitcoin.

Semplicemente geniali.

 

* Nota: nel caso ve lo steste chiedendo, ovviamente il termine “Marketing 4.0” è totalmente privo di senso, sulla falsariga del resto della fantomatica “Industria 4.0”, promossa e finanziata dai governi con l’unico scopo di distribuire bonus e soldi pubblici alle sole aziende ritenute arbitrariamente “meritevoli”.

 

Mille di queste campagne

 

Col senno di poi, non esiste probabilmente miglior modo per fare pubblicità a Bitcoin. Un protocollo decentralizzato non avrebbe potuto sperare di meglio di un endorsement proveniente direttamente dal centro di potere per eccellenza, la banca centrale europea, proprietario della moneta euro gestita in regime di monopolio.

L’articolo in questione di Ulrico e del fido Giorgio è stato letteralmente invaso sui social di commenti e critiche inevitabili – ma anche ironiche – non solo dalla community Bitcoin e da tutti i sostenitori del cosiddetto “mondo crypto” (blockchain, NFT, metaverso, web3 e altri progetti scam); ma, addirittura, anche da chi, di fronte a tutta questa enorme confusione, era rimasto finora neutrale o disinteressato.

In altre parole, Ulrico e il fido Giorgio hanno di fatto polarizzato e compattato il fronte a loro nemico, che per sua natura è disomogeneo, decentralizzato e dispersivo.

 

post-twitter-bce

Alcuni dei commenti sui social da parte della community di Bitcoin in risposta all’articolo della BCE.

 

Questa brillante mossa di marketing ha messo tutti contro la BCE e contro i burocrati che pontificano sull’euro. E ciò avviene in modo direttamente proporzionale all’insensatezza e all’assurdità delle tesi avanzate contro il loro concorrente naturale Bitcoin.

I due burocrati stanno, cioè, lavorando per tutti noi: mediante queste innovative tecniche di marketing, non stanno facendo altro che accelerare la diffusione e la consapevolezza di Bitcoin come strumento alternativo a quanto oggi imposto forzatamente dalle autorità.

Per questi motivi, dovremmo ringraziare di cuore Ulrico e il fido Giorgio, e augurarci altre mille di queste vere e proprie campagne promozionali a favore di un protocollo informatico che non può per sua natura contare su finanziamenti o uffici marketing per fare campagne promozionali.

E a questo punto attendere anche con trepidazione, da parte di questi stessi pionieri del marketing, ulteriori comunicazioni ufficiali circa il fantomatico progetto dell’euro digitale, così da scoprire come si saranno ingegnati nel tentativo di propinare agli individui questa nuova ed improbabile moneta farlocca della banca centrale.

A quel punto, però, come spot per promuovere l’adozione di Bitcoin, saremo già ormai passati al Marketing 5.0

valerio-dalla-costa

VALERIO DALLA COSTA

Bitcoin Ambassador, educator e speaker. Founder di Villaggio Bitcoin, autore dei libri Villaggio Bitcoin e 21 Pensieri.

L'articolo BITCOIN E MARKETING 4.0 proviene da Villaggio Bitcoin.


Dopo aver affrontato il periodo tragico delle dittature, abbiamo conosciuto lo Statalismo. Questa viene considerata quasi all'unanimità una vittoria. Ma è davvero un passo in avanti? Lo statalismo è legato ai regimi democratici. Senza democrazia probabilmente saremmo in una dittatura. Ma lo statalismo è l'esempio lampante di come nemmeno la democrazia sia garanzia di libertà. La democrazia, quando basata sull'onnipotenza della maggioranza, può essere espressione di dittatura, di totalitarismo, di coercizione. Ayn Rand ha spesso fortemente attaccato il New Deal del presidente Franklin Roosevelt. Una politica che ha fortemente penalizzato l'individualismo per il bene del collettivismo, condannando la società al welfarismo in generale. Lo statalismo vuol dire potere in eccesso detenuto dall'istituzione statale, in qualsiasi forma esso si presenti. Non è necessaria una dittatura: spesso alcune politiche di welfare state rappresentano una forma di coercizione, quando lo Stato impone ai cittadini di sacrificarsi per il bene di altri. In sostanza, non è altro che un diverso modo di sopprimere le liberta individuali. Tutti gli affascinanti slogan come “new deal” o “yes we can”, non sono altro che un tentativo di ingannare l'individuo per portarlo nel tranello del collettivismo. 428457188_450767307273628_4319074484747563910_n


Il commento di Ferdinando Ametrano alle crypto-news della settimana: ogni venerdì alle 18 in live-streaming su YouTube, LinkedIn, Facebook e Twitter; subito dopo, anche podcast (Spotify, Apple, Amazon, ecc.).


Deterministic AI is just the next iteration in the arsenal of propaganda—and in this pivotal episode, we delve into the escalating crisis of trust in governments worldwide and their alarmingly aggressive stance against what they label as “misinformation” and “disinformation”—essentially, any truth that dares to challenge their narrative. With the weaponization of the federal government now in the spotlight, thanks to a revealing subcommittee hearing, the lengths to which authorities are willing to go to silence dissent have never been clearer—or more disturbing.

Your support as a paid subscriber is vital for me to continue delivering high-quality, independent journalism on these crucial topics. Operating as an ad-free platform, I depend on the support of dedicated readers like you to maintain the integrity and accessibility of this content, free from external influence.

Subscribe now

Join me as we arm ourselves with the knowledge and tools necessary to combat the rising tide of online censorship. This isn't just another podcast episode; it's a call to arms, a guide for resisting a system increasingly determined to suppress free speech under the guise of protection.

Share

We're not merely spectators in this battle; we're participants on the front lines, fighting to preserve our fundamental freedoms in the digital age. From the halls of Capitol Hill to the vast expanse of the internet, we explore the U.S. government's investment in AI-powered censorship and propaganda tools, capable of silencing and surveilling speech on an unprecedented scale. This episode is more than a conversation; it's a rallying cry for anyone who values liberty, open discourse, and the right to question and challenge.

Donate


Resources:


Il mondo è stufo di sopportare il sacrosanto complesso di colpa per la Shoà

Un ex stimatissimo e rimpianto ministro degli esteri, del Pd, dice giustamente che esiste un impressionante deficit comunicativo dello Stato israeliano ogni qual volta succedono tragedie in tempo di guerra con i palestinesi a Gaza. Verissimo. Le loro pubbliche e politiche relazioni sono da bocciare.

Poi però uno si chiede: ma come mai il riflesso pavloviano dei giornali, degli opinionisti e dei dichiaratori per professione, nel dubbio, si scaglia sempre contro Israele e gli ebrei? Se fai lo sbaglio di partecipare a una delle ridicole discussioni su facebook in materia di guerra di Gaza e dintorni alla fine esce sempre questa argomentazione: “Ma, insomma, come mai tutto il mondo vi odia? Te lo sei mai chiesto?” E finisce lì. Al netto di qualche imprecazione reciproca sui rispettivi “mortacci”.

Beh io me lo sono chiesto e mi sono dato una risposta semplice semplice: questo mondo che “vi odia”, questo riflesso pavloviano di disonestà intellettuale vagamente simpatizzante o ammiccante con l’antisemitismo  è  vissuto dalla gente che nel proprio subconscio non ne può più di dovere invece sopportare il senso di colpa dell’inconscio collettivo europeo per la Shoà. Chi oggi ha 20 anni crede di non dovere sopportare questa colpa. E anche chi è nato dopo la guerra si tira fuori. Risultato: da decenni un’amnesia collettiva colpisce i più.

È al contrario un senso di colpa che andrebbe coltivato. Perché è sacrosanto e ci aiuta a non dimenticare. Tutto qui. Quando si parla di deontologia professionale per i giornalisti, un bel corso di onestà intellettuale con tanti ma tanti crediti formativi in palio sarebbe una possibile soluzione.

Aggiornato il 01 marzo 2024 alle ore 14:52


img

I giallorossi continuano a negoziare tra litigi e lotte all’ultimo veto. Ma il tempo stringe e i nomi ancora non ci sono. In Lucania l’ex ministro della Salute è titubante sulla sua candidatura: teme la rabbia popolare.

Continua a leggere

I comunisti sognano il controllo totale sulla società, ma gli basterebbe il controllo totale sul tuo denaro. La loro visione del mondo prevede un comitato centrale illuminato (spacciato per governo del popolo) che decide come allocare le risorse, sostituendosi alle preferenze individuali, dettate solo dall'egoismo. Con quel denaro potrebbero salvare l'Africa, risolvere le guerre in Medio Oriente, sconfiggere la fame nel mondo. Se solo potessero controllare il denaro di tutti... Peccato che quel denaro non esisterebbe in un mondo in cui il frutto del tuo lavoro finisce nelle mani di un pianificatore illuminato. Come dimostrano gli esperimenti comunisti falliti. 426506852_448492457501113_4539546796775394935_n


Wendy’s came under considerable fire this week after news broke that the fast-food chain was planning to test a new “dynamic pricing” model. Part of a $20 million initiative experimenting with digital menu boards, the move was roundly condemned as an attempt to implement “Uber-style” surge pricing.

“There are people who view dynamic pricing as a rip-off,” said restaurant analyst Mark Kalinowski when the news first broke. “It won’t fly and guests will be very upset,” said restaurant consultant Arlene Spiegel. “You can’t surprise a guest with, ‘Your meal will cost another 50 cents or $1 today.’”

Senator Elizabeth Warren also joined the chorus of voices objecting to the idea. “It’s price gouging plain and simple,” she posted on Twitter (X), “and American families have had enough.”

.@Wendys is planning to try out “surge pricing” — that means you could pay more for your lunch, even if the cost to Wendy’s stays exactly the same.

It’s price gouging plain and simple, and American families have had enough.https://t.co/dbJuhAM6vp

— Elizabeth Warren (@SenWarren) February 28, 2024

Reacting to the backlash, Wendy’s put out a statement on Tuesday clarifying their intentions.

“We said these [digital] menuboards would give us more flexibility to change the display of featured items,” the statement says. “This was misconstrued in some media reports as an intent to raise prices when demand is highest at our restaurants. We have no plans to do that and would not raise prices when our customers are visiting us most.”

“Digital menuboards could allow us to change the menu offerings at different times of day and offer discounts and value offers to our customers more easily,” the statement continues, “particularly in the slower times of day.”

Wendy’s spokesperson Heidi Schauer echoed these remarks in a statement on Wednesday.

“To clarify, Wendy’s will not implement surge pricing, which is the practice of raising prices when demand is highest,” she said. “We didn’t use that phrase, nor do we plan to implement that practice.”

There seems to be some tactful reframing going on here. It’s much better marketing to say they are lowering prices during off-peak periods rather than to say they are increasing prices during a surge. But as the economist Brian Albrecht has pointed out, that kind of amounts to the same thing.

Further, while it’s true Wendy’s never used the “surge pricing” phrase, they did say “dynamic pricing.” And as The New York Post astutely pointed out, “dynamic pricing” is the term Uber uses to describe its system, which adjusts prices up and down based on demand.

So whether these statements from Wendy’s are a genuine clarification of the plan-all-along or a panicked attempt at damage control seems to be open to debate. In any case, what’s clear is that the burger eaters of the world have spoken, and Wendy’s is listening.

Is Surge Pricing a Good Idea?

For the sake of discussion, let’s say Wendy’s was in fact planning to go ahead with “surge pricing” as many people feared. Would this really have been such a bad thing?

The truth is, there are pros and cons.

The major con is, of course, that people ordering food at peak hours would have to pay more. Another downside might be the unpredictability of prices. If it’s important to consumers that they can count on a specific price, dynamic pricing would be an annoyance for them.

But there are upsides to consider as well. For one, charging more during peak periods would encourage some customers to visit earlier or later in the day, during the off-peak hours. This would have the effect of flattening the daily traffic curve, which would almost certainly reduce wait times during peak periods.

This is not a negligible benefit. People value their time, and many would probably be willing to pay an extra $1 for their burger if it meant they could get it in 5 minutes instead of 20 minutes at peak hours. Others might appreciate the opportunity to get discounts for eating during off-peak hours.

Dining room space may also be an issue at some locations. Higher prices can ensure that there is space to sit at all hours of the day, instead of having all the seats taken during peak hours.

Wendy’s may also see benefits to the operations side of their business. Maybe it’s really impractical from a staffing perspective to have extremely busy periods followed by extremely dead periods. If a gentler traffic curve makes staffing more efficient, it’s conceivable that those efficiency gains could lead to lower average prices for customers.

The Value of Experimentation

So, would surge pricing in the fast food industry be a net positive for consumers? I don’t know, nor does anyone else. Until someone tries it and we see the results, it’s all speculation.

What I do know is that there’s a lot of value in having different businesses experiment with different ways of doing things.

Think about it this way. If Wendy’s went ahead with surge pricing at some locations and it turned out customers really appreciated it for the most part, this would provide some very valuable information—and lead to positive changes. Wendy’s would likely expand the system, and competitors like McDonald’s and Burger King might adopt surge pricing at their locations as well.

If, on the other hand, the experiment were a complete flop, Wendy’s would take losses and quickly phase out the system. Competitors, seeing the bad results, would avoid implementing surge pricing in their businesses.

The point is, it’s incredibly helpful to consumers when companies take risks on new and innovative ways of doing business. When a variety of options are presented to us—the consumers—we can use our purchasing decisions to collectively “select for” the options we prefer and weed out the ones we dislike.

We can almost think of the market as a kind of Darwinian process in this sense. In fact, the economist Armen Alchian drew that exact parallel in his seminal 1950 paper Uncertainty, Evolution, and Economic Theory, which helped kick off the field of Evolutionary Economics.

The market involves “a process of economic natural selection,” he wrote. Thus, he suggested an approach to economic analysis that “embodies the principles of biological evolution and natural selection by interpreting the economic system as an adoptive mechanism which chooses among exploratory actions generated by the adaptive pursuit of ‘success’ or ‘profits.’”

In short, businesses try a bunch of different ways of doing things (variation) and then consumers pick which of those things they like (selection). The businesses that are “well adapted” to consumer preferences make profits and survive. The “poorly adapted” ones take losses and die out.

“Success is discovered by the economic system through a blanketing shotgun process,” Alchian explains, “not by the individual through a converging search.”

The market, like the environment, is all about trying a bunch of different things and then playing survival of the fittest. If you can’t serve customers effectively, you go out of business fast.

Now, with this understanding in mind, consider what would happen if businesses couldn’t try out a wide variety of approaches? What if some well-meaning politician bans “price gouging” or some other innovation?

There are two main possibilities. Either the banned approach is not something consumers would have gone for, in which case the market would have weeded it out quickly anyways, or it is something consumers would have preferred, in which case the ban is actively preventing a helpful innovation!

We can’t know a priori which is the case for any particular regulation. What we do know is that with every added regulation, the breadth of possible experimentation is curtailed, and with it, the possibility of discovering new ways of doing things that consumers actually prefer.

So, for the sake of consumer welfare, let’s resolve to allow unfettered experimentation, and to celebrate businesses when they take bold risks with unorthodox models. At worst, the risk will prove to be a bad idea and be quickly weeded out. At best, a brilliant new approach will be adopted across the industry, and consumers will be eternally grateful that they had the freedom to give it a try.

Additional Reading:

Should Wendy's Introduce Surge Pricing? by Brian Albrecht

On Price Gouging by Donald J. Boudreaux

The Cognitive Bias behind Anti–Price Gouging Laws by Patrick Carroll


Il ritorno in Italia di Chico Forti, la sinergia sulle crisi internazionali – Ucraina e Medio Oriente in primis – ma anche il dossier migranti. Il vertice di ieri tra Giorgia Meloni e Joe Biden è stato produttivo con grande soddisfazione per il primo ministro italiano. “Sono venuta qui con una proposta per lanciare un’alleanza globale contro i trafficanti di esseri umani”, le sue parole nel corso del vertice organizzato alla Casa Bianca. Poche chiacchiere e tanta concretezza, questa la linea di Meloni al governo e nelle relazioni internazionali.

Il presidente del Consiglio ha acceso i riflettori sui principali dossier che saranno al centro delle discussioni del G7. Non poteva mancare un cenno all’impegno di Roma per l’Africa. “Il prossimo G7 metterà una attenzione speciale sull’Africa. Ne discutiamo da tempo, l’Africa non è un continente povero , ha incredibili ricchezze umane e materiali ma c’è un approccio predatorio”, ha spiegato Meloni, rimarcando di voler cambiare questo approccio una volta per tutte.

Ma cosa prevede la proposta contro i trafficanti di esseri umani? Meloni ha messo sul tavolo un programma per risolvere la crisi migratoria e allo stesso tempo combattere quei delinquenti che fanno fortune sulla disperazione degli africani. Come anticipato, fatti e non parole. Biden sembra infatti aver accolto l’urgenza dell’intervento. Il portavoce della Casa Bianca ha confermato che il traffico di esseri umani è una “serissima preoccupazione” per l’amministrazione Biden: “Lo vediamo al confine sud degli Stati Uniti”, riporta il Corriere della Sera.

I prossimi summit serviranno a mettere a punto una strategia comune contro l’immigrazione, un asse che potrebbe rappresentare una svolta nella gestione della crisi internazionale. A tal proposito, riflettori accesi sul Medio Oriente: “La crisi in Medio Oriente è una nostra preoccupazione, dobbiamo coordinare le azioni per evitare una escalation, e sosteniamo pienamente lo sforzo di mediazione degli Stati Uniti. Abbiamo bisogno di concordare la nostra azione per evitare una escalation”, le parole di Meloni sollecitando Biden. La questione umanitaria rappresenta una priorità per l’Italia, al lavoro per contribuire con i propri sforzi a una soluzione, ribadendo la volontà di “garantire la prospettiva dei due Stati, l’unica soluzione di lungo termine”. Soddisfazione reciproca e sintonia nonostante gli schieramenti diversi, a testimonianza dell’importanza della concretezza in politica estera. Non rappresentano una sorpresa le dichiarazioni dell’ambasciatore Philip Reeker, ex assistente segretario di Stato per l’Europa ed ex console a Milano: “Il presidente ha dato priorità al G7 come piattaforma per la leadership e il coordinamento in questa era geopolitica di incertezza. E ha trovato una forte e affidabile partner nella premier Meloni”. Seguiranno aggiornamenti.

Massimo Balsamo, 2 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Volete diventare inserzionisti o sponsor del Phastidio Podcast? Contattateci

Nota di servizio ad uso degli ascoltatori: il Phastidio Podcast è disponibile su numerose piattaforme tra cui SpotifyGoogle PodcastApple Podcast. Il feed originale, da aggiungere agli aggregatori, è questo

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile. Per donare con PayPal, clicca qui, non serve registrazione. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito o ricaricabile, in assoluta sicurezza? Ora puoi!


Home / Crypto News: Shiba, Floki, Pepe dominano | Dati e analisi

MEME BOOM

Crypto Meme sugli scudi: Floki, Shiba, Pepe e anche Dogecoin. Che succede?

Gianluca Grossi 02/03/24 8:56 News

Sembra di essere tornati nel cuore della bull run del 2021. I meme token, i progetti che puntano più sul gioco e sullo scherzo che su fondamentali solidi – almeno secondo il sentire comune – piazzano delle performance incredibili, nonostante appunto manchino delle notizie concrete che potrebbero giustificare tale corsa.

Shiba Inu Coin, che in diversi avevano dato erroneamente per spacciato, piazza un +68% nel giro di 24 ore. Poco dietro Pepe, che guadagna il 60%. Incredibile corsa anche per $FLOKI: +25% nell’ultima ora (09:00 ora italiana) e +125% nel giro di 24 ore. Una corsa che sta lasciando tutti o quasi di stucco e che ha ridisegnato l’intera classifica per capitalizzazione.

Una situazione della quale ti invitiamo a discutere anche con la nostra redazione e i nostri lettori sul nostro Canale Telegram Ufficiale – tramite il quale potrai anche ricevere notizie in anteprima, analisi e guide aggiuntive.

È il giorno delle crypto meme, di nuovo

È ancora una volta boom delle crypto meme, progetti che molti guardano con malcelato disprezzo e che invece oggi piazzano una performance che ha letteralmente arricchito chi aveva investito soltanto qualche giorno fa. Dominano lo scenario $FLOKI, dopo il recente annuncio di un piano di acquisto da parte di DWF, ultima di una serie di novità che nel tempo hanno aiutato a consolidare il prezzo del token del progetto.

Tra le high cap è Shiba Inu Coin a sorprendere di più: +68% nel giro di 24 ore e undicesima posizione nella classifica della capitalizzazione di mercato. Qualcosa che neanche i più fantasiosi dei sostenitori di questo progetto sarebbero riusciti a sognare.

Segno di un mercato ormai tornato con pieno appetito per il rischio? Forse sì, per quanto certi movimenti a questo livello di intensità debbano essere sempre maneggiati con cura, in particolare per chi entrerà sul mercato adesso.

Ottima anche la performance di Pepe Coin, che guadagna il 60% sempre nel giro della giornata, con i long che non incontrano alcun tipo di ostacolo da parte dei venditori.

Guadagni del 20% anche per Dogecoin, indietro rispetto alla corsa dei nuovi arrivati, per quanto comunque tra le prime per crescita nelle ultime ore.

Profitti da Bitcoin verso il settore alt e meme?

C’è chi si chiede, correttamente, se sia cominciata quella che si chiama tecnicamente alt season, ovvero la stagione di mercato che finisce per premiare più le criptovalute minori che Bitcoin. Prima di individuare pattern di questo tipo riteniamo che sia necessario attendere ulteriori segnali.

Invitiamo tutti a prestare la massima attenzione agli ingressi in questo istante, sia long che short, e a tenere conto degli enormi movimenti che si sono verificati nelle ultime ore.

La FOMO solletica gli istinti più primordiali di ognuno di noi e prima di puntare del denaro, è sempre il caso di cercare di recuperare la razionalità, per quanto possibile.


di MATTEO CORSINI

Una delle cose più demenziali del governo in carica credo sia la denominazione assegnata al ministero delle Risorse agricole, arricchita con “la sovranità alimentare”. Una cosa ben peggiore, a mio parere, del far fermare un treno per far scendere il ministro, che pure è stato un episodio discutibile.

Come è noto, il governo ha vietato la produzione e commercializzazione della carne sintetica, ma quella norma prevede anche la messa al bando di denominazioni che facciano riferimento alla carne per prodotti che sono a base vegetale (il cosiddetto “meat sounding”).

Secondo il ministro Lollobrigida,non si comprende fino in fondo perché chi non vuole mangiare carne, pretenda di chiamare carne ciò che carne non è, traendo in inganno i consumatori meno avveduti.

Evidentemente prevale l’idea, ampiamente diffusa da chi chiede il voto a prescindere dall’etichetta (per restare in tema) con cui si presenta, che le persone siano incapaci di intendere e di volere e che, quindi, le si debba proteggere, perché potrebbero non capire che una “polpetta di ceci” o una “bistecca di soia” non contengano carne.

Il tutto con buona pace del senso del ridicolo e, soprattutto, della vera sovranità, che dovrebbe appartenere al consumatore.

The post La sovranità del consumatore non è quella dei sovranisti appeared first on Miglioverde.


For “Ask an Economist” this week, I have a question from John O. about Modern Monetary Theory (MMT). I’ve purposefully avoided MMT in the past for a few reasons. First, because it appears to be under-theorized. In other words, often when economists try to talk with MMT advocates, the advocates argue by retreating to previously unstated assumptions.

Second (relatedly), as economist Per Bylund put it: “In scholarly research, interest in MMT is limited… One reason for this is likely that MMT focuses on policy prescriptions rather than explanations… which makes it unsuitable for research.” This makes conversation about it difficult.

Regardless, I wanted to do my best to answer John’s inquiry. He says:

MMT holds that a Federally-funded, locally-administered Job Guarantee is a way to achieve full employment (everyone willing and able to work can have a job—not 96.3%, but 100%) and would also act as a price anchor, tending to dampen inflation, just as the buffer stock of unemployed workers does today, but without all the attendant miseries (crime, addiction, suicide, etc.) of unemployment.

So can we have a free lunch of 100% employment and no inflation? No. Let’s see why.

Full Employment and MMT

One of the golden calves of MMT is the idea of full employment—or 0% unemployment. As John notes, this doesn’t mean everyone has a job in MMT World (either in theory or practice). Zero unemployment just means everyone who reports himself as looking for work finds a job (instantly in this case).

The idea that we should have full employment all the time is a revolt against the idea that there will be some natural rate of unemployment due to:

1) people’s skills not matching currently available jobs, or

2) because of short-term changes of employment due to labor market frictions.

The idea of the natural rate of unemployment is that even healthy economies have people who are looking for jobs for the above two reasons.

MMT advocates deny that this is necessary. Unlike economists, they see these unemployed workers as a wasted opportunity. In the words of MMT scholar Pavlina Tcherneva: “Unemployment holds a ‘special’ status in economic theory, compared to other social deprivations. Economists do not speak of the natural rate of hunger, or the natural rate of illiteracy, or the natural rate of homelessness.”

Except, to be clear, Tcherneva is essentially wrong about this. While it’s true we don’t measure things like the natural rate of illiteracy or homelessness, economists generally recognize that bringing the rate of crime, illiteracy, or homelessness down to zero is prohibitively costly.

Page through any introductory economics textbook and you’ll likely find a quip that “the efficient amount of anything is not zero.” That includes crime. It also includes unemployment. Unemployment is not unique in that sense like the quote above implies.

Certainly we prefer people to find jobs that suit them sooner, but sometimes the cost of finding a job immediately is higher than the benefits.

MMT advocates claim to fix this with a simple solution: a government-paid jobs program. Many iterations of such a program have been proposed, but their common feature is that the government-created jobs pay enough money that unemployed workers actually want them. Sometimes a “living wage” is proposed, but we should recognize that a living wage wouldn’t be enough to entice, say, an engineer between jobs.

How would the government pay for this? Ultimately, in MMT, the answer is that the government can print money to pay. We’ll come to issues with this later.

So MMT pursues full employment as a goal and claims the guaranteed jobs program will do so while “anchoring” inflation. Why? The idea is that if people are spending a lot (because they all have good-paying jobs) there will be lots of employment and therefore no need for the government-guaranteed jobs. As a result, spending from the government will decrease (and therefore money printing will as well).

This is the sense in which MMT advocates claim the guaranteed jobs policy is checking inflation. Spending increases by the public are offset by the spending decrease by the government, so prices stay stable.

This may sound good on the surface, but it breaks down as we look a little deeper.

Employed for What?

There are two issues with this argument. First, the full employment described by MMT is not a good goal. Second, it cannot reliably temper inflation. These problems are related.

To see the issues with this system, consider what it would mean if we implemented it today. The government creates a new jobs program. Anyone who wants a good-paying job can get one and be paid in freshly printed US dollars. The new jobs created must exceed to jobs eliminated by higher taxes, otherwise we wouldn't achieve full employment.

What happens? New money enters the pockets of these workers, and they go and spend it. As they spend it, you have more money chasing the same amount of goods, meaning that you are going to have higher inflation.

One of the classic lines of MMT is that printing money does not cause inflation unless there is full employment. Our little thought experiment here shows that moving from some unemployment to full employment does indeed involve inflation. Historical precedent of events like stagflation (where the economy experienced increasing monetarily driven inflation and high unemployment) also shows that the MMT line isn’t true.

Why do MMTers say this then? Well, the logic is that as you hire people to these new government jobs, they start producing more as well. Inflation is caused by more money chasing the same number of goods. But what if we have more money chasing more goods produced by the new government jobs?

In other words, MMTers claim that while this program does increase the supply of money, that increase is offset by an increase in the supply of goods. These two cancel out, leading to no inflation. Our problem is solved. There’s no inflation because the new production of goods and services makes up for the new money-printing, and everybody has a good-paying job. With this policy everyone will get rich—and quick!

Sounds nice—doesn’t work. Here’s the problem. The government can create jobs, but jobs are not in and of themselves a good thing.

Here’s an example. Imagine the new guaranteed jobs program pays government workers to dig a hole and fill it in all day every day.

Did employment increase? Sure. Did the supply of goods and services increase? I guess if you consider a newly dug and filled-in hole a good, then yes. The problem is that this isn’t really a product that consumers want. It doesn’t make anyone better off.

If you included this good in your inflation quantification, its price would certainly fall. But since no one wants to buy the unfilled and refilled holes, it really shouldn’t be included in the inflation quantification. Since the new production was wasteful, it doesn’t lower the prices of the goods relevant to consumers. As such, inflation does not actually fall, even if some quantifications which included newly dug and refilled holes indicate that it did fall.

In other words, this new production isn’t enough to curb the inflation that matters to real people. You need the right production. This oversight is a microcosm of a larger issue with MMTers where they ignore the territory of a healthy economy in favor of the map of its quantifications.

At this point it would be fair to point out that MMTers likely have slightly better proposals for what sort of jobs to create than a program that digs holes and fills them back in. Maybe we could have the new workers make hamburgers, cars, solar panels, or some tangible goods. Would that fix the issue?

No. The whole problem is that creating jobs is an engineering problem, as the government can get more output (jobs) by simply putting in more inputs (money); creating jobs which aren't wasteful, however, is an economic problem.

Of course, if the government spends more money, it can make more jobs. But which jobs are best?

Private, for-profit business has a mechanism to solve the economic problem of which jobs are best. If a private business hires a worker whose work output is not valued sufficiently by consumers, the business will make a loss on that worker. This loss signals to the business that the job does not create sufficient value to consumers to merit the costs associated with the job (such as wages and the worker’s use of other inputs).

A government-guaranteed job, no matter how it is facilitated, does not have access to the profit and loss mechanism.

As such, there is no way to tell if the output from the job is valued sufficiently by consumers to justify the loss of that worker in another line of production. Producing hamburgers will probably create a good that consumers like more than dug and refilled holes, but the point is that insofar as consumers were not willing to pay the worker to produce the hamburgers before the government stepped in, they do not sufficiently value the hamburger to warrant its production.

In the words of Murray Rothbard, "Private enterprise can get funds only from satisfied, valuing customers and from investors guided by present and expected future profits and losses. Government gets more funds at its own whim...."

So the price of hamburgers will fall (at least in the short run) if government pays thousands of workers an unreasonable amount of money to produce an excess of hamburgers, but since consumers did not really want to pay for those hamburgers in the first place, the lower price is relatively less important.

Inflation quantifications may pick up on this increase in productivity of hamburgers and show lower inflation numbers as a statistical result, but the thing driving the “lower” inflation is a product that consumers weren’t asking for more of. Just like cheaper dug and filled-in holes don’t really improve our well-being, a glut of cheaper hamburgers doesn’t help much either.

So which jobs should be created? There is no way for the government to tell because they don’t have the profit and loss mechanism! As the economist Ludwig von Mises pointed out with respect to government central planning:

The paradox of “planning” is that [the government] cannot plan, because of the absence of economic calculation. What is called a planned economy is no economy at all. It is just a system of groping about in the dark. There is no question of a rational choice of means for the best possible attainment of the ultimate ends sought. What is called conscious planning is precisely the elimination of conscious purposive action.

To reiterate simply: MMTers say that money printing to create jobs will not create inflation because the production of new goods and services means that the larger amount of money is matched by a larger amount of goods. The problem is that the goods produced by these government-guaranteed jobs have no rational tie to the desires of consumers, and therefore any lower prices caused by increase in their supply are not meaningfully connected to inflation as it relates to the values of those consumers.

Some inflation quantifications may appear to fall with the production of these guaranteed jobs, but insofar as they do fall, this is the result of the quantification 1) not properly capturing inflation as it relates to the prices people care about and 2) random chance that even irrational planning occasionally creates a valuable job.

This failure on the part of MMT advocates to notice the difference between economic quantifications and economic health is not unique to MMT. It’s a constant mistake of central planners. Economists were convinced for decades that the Soviet Union would overtake the United States in terms of economic well-being because the macroeconomic data indicated that the Soviet Union’s production outputs were growing faster than those of the US.

Production, like job creation, is an engineering problem. More inputs mean more outputs, all else equal. The problem, though, is that not all production is production that benefits consumers (just like not all jobs are jobs that benefit consumers). In other words, the USSR was producing stuff, but it wasn’t stuff that helped benefit consumers. It was wasteful production—just like MMTers argue for wasteful jobs.

During the decades where the Soviet Union was rising in the opinion of experts, one economist boldly bucked the trend and pointed out that big production numbers were not the same as big economic well-being. The economist Murray Rothbard noted in his 1962 edition of Man, Economy, and State (well before the USSR’s collapse):

We may illustrate our analysis by noting the hullabaloo that has been raised in recent years over the supposedly enormous rate of Soviet growth. Curiously, one finds that the “growth” seems to be taking place almost exclusively in capital goods, such as iron and steel, hydroelectric dams, etc., whereas little or none of this growth ever seems to filter down to the standard of living of the average Soviet consumer. The consumer’s standard of living, however, is the be-all and end-all of the entire production process. Production makes no sense whatever except as a means to consumption. Investment in capital goods means nothing except as a necessary way station to increased consumption… There is every indication that the “pie-in-the-sky” day when living standards finally rise almost never arrives. In short, government “investment,” as we have noted above, turns out to be a peculiar form of wasteful “consumption” by government officials.

As these wasteful guaranteed jobs are created, not only do they create inflation via money creation; they actually destroy valuable inputs along the way. Most jobs do not use labor alone. A myriad of other machines and natural resources are combined with labor in production.

Government-guaranteed jobs would need these inputs as well in order for the jobs to function. These artificial jobs would then compete with productive employers for inputs necessary to create the jobs. Government burger-flipping jobs mean already-existing companies will have to compete more heavily for ovens. Oven producers wanting to create more ovens to satisfy the higher oven demand will have to compete for raw materials like metal, diverting these raw materials away from more useful lines of production. Input scarcity increases.

MMTers like to argue this isn’t an issue because we have lots of “idle” (or unemployed) inputs already. We can utilize those inputs for a free lunch. But wait a minute. If we have idle inputs all around the place, why are people constantly buying and creating new inputs?

It’s because companies “employ” the least costly unemployed inputs first. Some ovens need to be modified, cleaned, or fixed up before they are put in use. Some ovens aren’t as efficient as others. The point is that if a resource is idle, it is because it is expensive to employ. Employing idle resources is not a free lunch.

As government-guaranteed jobs that weren’t productive enough to earn a profit begin to enter the market, they compete for inputs against jobs which were productive enough to enter the market. This drives up input costs, causing private producers to lower their production. This decrease in supply is reflected in higher prices for consumers. This means more inflation in the goods consumers care about.

Labor is not the only input, so you cannot create full employment of inputs by having more jobs without regard to their productivity.

So, it might not surprise many FEE readers, but it turns out merely printing money and handing it out to people to do otherwise unprofitable jobs will not act as a bulwark against inflation.

Any government can increase the number of jobs, but creating jobs which improve the standard of living is the real issue. Many will promise they can do this, but, as Rothbard noted, the pie-in-the-sky day never seems to come.

Ask an Economist! Do you have a question about economics? If you’ve ever been confused about economics or economic policy, from inflation to economic growth and everything in between, please send a question to professor Peter Jacobsen at [email protected]. Dr. Jacobsen will read through questions and yours may be selected to be answered in an article or even a FEE video.

Additional Reading:

The Deficit Myth: Modern Monetary Theory and the Birth of the People’s Economy by Kevin Dowd

Is It Money Because It Is Redeemed in Tax Payments? A Response to Kelton and Wray by Per Bylund

The Forgotten Contribution: Murray Rothbard on Socialism in Theory and in Practice by Peter J. Boettke & Christopher J. Coyne

Calculation and Corporate Tax Incentives by Rosolino Candela & Peter Jacobsen


Chico Forti tornerà in Italia. Lo ha annunciato Giorgia Meloni al Tg1 e su tutti i canali social. “Sono felice di annunciare che, dopo 24 anni di detenzione negli Stati Uniti, è stata appena firmata l’autorizzazione al trasferimento in Italia di Chico Forti – ha detto il premier da Washington – Un risultato frutto dell’impegno diplomatico di questo governo, della collaborazione con il governo dello Stato della Florida e con il governo federale degli Stati Uniti che ringrazio. È un giorno di gioia per Chico, per la sua famiglia e per tutti noi. Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto. E ora aspettiamo in Italia Chico”.

Esulta anche Salvini: “Firmata l’autorizzazione al trasferimento in Italia per Chico Forti – scrive in una nota – un abbraccio a lui e alla famiglia, è un’ottima notizia frutto anche dell’impegno e della serietà del governo. Altra promessa mantenuta”.

Chico Forti è un imprenditore e campione di vela trentino, in carcere dall’11 ottobre del 1999 dove sconta la pena all’ergastolo per l’omicidio di Dale Pike, di cui si è sempre professato innocente. L’ultimo ad annunciare il suo ritorno in Patria era stato Luigi di Maio nel Natale del 2020, poi però non se ne fece nulla. Fino ad oggi.

Notizia in aggiornamento


Home / Aiuto, sono finiti i Bitcoin | Ma è vero? Tutti i dati

Bitcoin finiti dati

Sono davvero finiti i Bitcoin, come in tanti stanno scrivendo su X? Dati e una possibile verità.

Gianluca Grossi 01/03/24 18:02 News

Sono davvero finiti i Bitcoin? Diversi account su X hanno ripreso quanto in realtà era già circolato in passato, a ridosso dell’approvazione degli ETF. I desk OTC, ovvero chi vende Bitcoin al di fuori delle piazze classiche e strutturate, non avrebbero più Bitcoin. Qualcosa che sarebbe stato addirittura, dicono sempre gli stessi, dietro il crash di Coinbase avvenuto mercoledì, mentre Bitcoin sembrava lanciatissimo verso i nuovi massimi storici.

Cos’è successo? È vero? I dati che girano su X sono veritieri? La risposta è per tutte le domande… dipende. Guardiamo insieme ai dati che girano, a cosa dice Glassnode a riguardo e a quanto siano attendibili.

Puoi venire a discutere questo tema caldo che più caldo non si può anche sul nostro canale Telegram Ufficiale, insieme alla nostra redazione e ai nostri lettori.

Sono finiti davvero i Bitcoin?

Teoria che circola su X: i desk OTC, gli scambi non regolamentati e fuori dagli exchange non avrebbero più Bitcoin da vendere. L’ipotesi è suggestiva, piace a chi ha investito in BTC e avrebbe pure qualche dato a supporto.

Desk OTC dati In arancione la quantità di Bitcoin presso i desk OTC

Quale dato? Il grafico che circola di più è quello che arriva da Glassnode, e che rappresenta una quantità di Bitcoin disponibili presso tali desk… prossima allo zero.

C’è però la descrizione della metrica utilizzata, che almeno ad avviso di chi vi scrive dovrebbe essere fonte di qualche dubbio.

glassnode-studio_bitcoin-percent-balance-on-exchanges-all-exchanges-1024x576 Gli exchange non soo desk OTC, ma l’andamento dei Bitcoin disponibili è comunque un dato interessante

L’ammontare totale dei coin che sono presso i desk OTC. Questi dati sono basati su tre differenti desk OTC. Notare che le metriche OTC sono basate sui dati da noi individuati, che aggiorniamo costantemente, e anche su tecniche statistiche che cambiano nel tempo. Quindi queste metriche sono mutevoli – il dato è stabile, ma in modo specifico i punti più recenti sono soggetti a leggere fluttuazioni.

Il metodo è dunque in parte statistico, tiene conto di soli tre desk OTC e non è chiaro quanto possa essere sul pezzo, per quanto Glassnode sia certamente degna di fiducia.

  • L’altra questione: quanti Bitcoin ci sono ancora sugli xchange?

L’altro grafico che può aiutarci a capire quale sia non diciamo la situazione attuale, ma il trend, è quello dei BBitcoin che sono custoditi negli exchange. Il trend, del quale abbiamo già parlato più volte su queste pagine, è negativo da tempo.

Il grafico parla assolutamente chiaro, ma rimangono comunque quasi 2 milioni di Bitcoin disponibili, sempre prendendo per buono quanto viene raccolto in termini di dati da Glassnode.

Chi ha affermato che i Bitcoin stanno finendo?

In realtà in diversi. Incolleremo i tweet che hanno avuto più circolazione sul tema.

ATTENZIONE: Il prezzo di Bitcoin sta per aumentare esponenzialmente! Non ci sono BItcoin disponibili OTC mentre i clienti di BlackRock stanno comprando mezzo miliardo al giorno…

Tweet che ha ricevuto ok da parte di Glassnode stessa.

The Bitcoin Therapist è stato forse l’account che ha dato il via all’intera questione:

Rumors are circulating that OTC #Bitcoin is completely exhausted and institutional demand is at an all time high. 🤯

— The ₿itcoin Therapist (@TheBTCTherapist) March 1, 2024

Circolano rumors che affermano che le dotazioni di Bitcoin dagli OTC siano completamente esaurite, mentre la domanda istituzionale è ai massimi.

Sottolineando il circolano rumors, che per noi rende la notizia non verificabile né credibile, è un dato che poi in diversi si sono affannati a smentire. O meglio a ridimensionare. Tra tutti, Will Clemente.

I’m bulled up on BTC of course but the idea that OTC desks are literally out of supply is comical. Glassnode will be the first to tell you that they only track 3 desks & these wallets are very difficult to track. Should be asking someone at Cumberland or Wintermute.

— Will (@WClementeIII) March 1, 2024

Sono entusiasta di Bitcoin chiaramente, ma l’idea che i desk OTC siano letteralmente senza Bitcoin è comica. Glassnode sarà la prima a dirvi che tracciano solo 3 desk e che i loro wallet sono davvero difficili da tracciare. Dovreste chiedere a Cumberland o Wintermute.

Forse il punto più credibile dell’intera vicenda, che continueremo a coprire non appena avremo altri dati a disposizione.


TRANSGENDER ORGANIZATION EXPOSED FOR GROOMING CHILDREN

https%3A%2F%2Fsubstack-post-media

The LGBTQ youth advocacy organization called Trans Youth Equality Foundation was caught on video by one of our journalists secretly offering to send a 13-year-old girl chest binders behind her parents’ backs.

WATCH THE VIDEO

CHAYA RAICHIK TALKS TRANSGENDERISM WITH PIERS MORGAN

https%3A%2F%2Fsubstack-post-media

Chaya Raichik went on the Piers Morgan show where she was ambushed by a hostile panel of guests. However, watch her give a mindblowing answer to Piers Morgan over transgenderism that had even Piers Morgan agreeing with her.

WATCH THE VIDEO


Stop right there! Become a paid subscriber today so you don’t miss a single one of these insane stories!

UPGRADE TO PAID


PRIDE MOM BRAINWASHES INFANT CHILD WITH TRANSGENDERISM

https%3A%2F%2Fsubstack-post-media

Watch how a mom at a pride parade says her 15-month-old baby uses they/them pronouns.

WATCH THE VIDEO

HAWAII GOVERNOR ATTACKS PROPERTY OWNERS AFTER HISTORIC FIRE

https%3A%2F%2Fsubstack-post-media

The Governor of Hawaii is blaming landlords for the aftermath of the fire and suggests they need to sell their property to Hawaii residents who were impacted. Biden is housing and feeding millions of illegals on the taxpayer dime but it’s capitalism’s fault that Hawaii residents are still struggling.

WATCH THE VIDEO


Help us continue the mission to expose child grooming, corrupt institutions, and the dishonest media. Contribute today!

SUPPORT US


Occupazione e inflazione stabili a gennaio

Il tasso di occupazione scende, ma rispetto all’anno scorso gli italiani lavorano di più. Lo ha rilevato l’Istat nel suo commento ai dati diffusi, secondo cui il numero degli occupati23 milioni 738mila – è superiore a quello di gennaio 2023 di 362mila unità. Ma su base mensile il tasso di occupazione è sceso al 61,8 per cento, quello di inattività è salito al 33,3 per cento mentre il tasso di disoccupazione in Italia è stabile al 7,2 per cento. L’aumento degli inattivi ha coinvolto uomini e donne di tutte le classi d’età, ad eccezione dei cittadini tra i 35 e i 49 anni, per effetto della dinamica demografica negativa. Il tasso di occupazione – aumentato complessivamente di 0,8 punti percentuali – è tuttavia cresciuto anche in questa fascia di età, dello 0,4 per cento. Infatti, la diminuzione del numero di occupati 35-49enni è meno marcata di quella della corrispondente popolazione complessiva.

Secondo l’Istituto nazionale di statistica, rispetto all’anno scorso è calato sia il numero di persone in cerca di lavoro (-8,1 per cento, -162mila unità) sia quello degli inattivi tra i 15 e 64 anni di età (-1,3 per cento, ovvero -157mila persone). Inoltre, in questo trimestre – rispetto al periodo precedente di agosto-ottobre 2023 – il livello di occupazione è cresciuto dello 0,4 per cento, per un totale di 90mila nuovi occupati. Ovviamente, l’aumento di lavoratori è strettamente collegato con la diminuzione di persone in cerca di lavoro (-3,5 per cento, -67mila unità) e alla stabilità dei cittadini inattivi.

Inflazione stabile

Durante il mese di febbraio, secondo le stime preliminari dell’Istat, l’inflazione è rimasta ferma allo 0,8 per cento. La stabilizzazione della crescita dei prezzi è dovuta principalmente dall’affievolirsi delle tensioni sul costo dei Beni alimentari. Ma a compensare questo effetto c’è l’indebolimento delle manovre deflazionistiche nel settore dei prezzi dei Beni energetici (dal -20,5 per cento di gennaio al -17,3 per cento di questo mese). Anche l’ascesa del costo del “carrello della spesa” ha subito una battuta d’arresto (+3,7 per cento), mentre l’inflazione di fondo si è attestata nelle stime preliminari al +2,4 per cento, -0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente.

Aggiornato il 01 marzo 2024 alle ore 14:43


WORLDCOIN-MUSK-660x330

C'è lo zampino di Elon Musk nell'ultimo calo di Worldcoin.

Gianluca Grossi 01/03/24 12:10 News

Il matrimonio virtuale tra OpenAI e Worldcoin, che nella figura di Sam Altman l’unico punto di contatto, non porta sempre bene alla criptovaluta $WLD. Worldcoin infatti perde circa il 5% nel momento in cui scriviamo, in seguito alla citazione in giudizio del gruppo da parte di Elon Musk. Una questione che affonda nella prima parte della storia di OpenAI e che ora però causa problemi, almeno in termini di prezzo, anche la crypto $WLD.

Ribadiamo, come abbiamo già fatto in altre occasioni, che il legame tra le due realtà è tecnicamente nullo. Ma così come ad ogni buona notizia che arriva da OpenAI WLD risponde con una crescita di prezzo, così quando le notizie sono meno buone, WLD incassa perdite.

Il trend negativo sembra essersi ora assestato, per quanto la causa legale sarà una Spada di Damocle che continuerà a oscillare sulla testa del progetto, a prescindere dalla concretezza o meno dei legami.

Worldcoin affonda dopo causa di Elon Musk

La storia principale è questa: Elon Musk cita in giudizio Sam Altman e OpenAI, in quanto vorrebbe che l’azienda e il suo CEO rispettassero gli accordi risalenti ormai a qualche anno fa e che prevedevano che la realtà più importante oggi del mondo AI mai sarebbe diventata una società a scopo di lucro. Una questione che si trascina da tempo e che ora troverà una soluzione in tribunale, a meno di clamorosi e per il momento poco probabili accordi.

VIENI A DISCUTERE QUESTA NOTIZIA (E A RICEVERE LE ALTRE IN ANTEPRIMA) sul nostro CANALE TELEGRAM

Per chi si interessa del mondo crypto i problemi sono altri. I mercati si muovono su WorldCoin come se fosse una realtà parallela a quella di OpenAI, per quanto non ci sia alcun legame legale tra le due. Il discorso, leggero ma reale, è che Sam Altman è figura cruciale in entrambi i progetti e pertanto le gioie di OpenAI saranno gioie anche per WLD. Cosa che per quanto fiacca, sta indirizzando comunque i mercati.

-5%, e poi?

WLD ha risposto con un -5% nel momento in cui scriviamo, per un momento di difficoltà che sembra essere però per il momento giunto al termine. Certo è che se la causa dovesse avere la sua naturale escalation, WLD potrebbe continuare a risentirne.

Il nostro consiglio è quello di operare con il massimo della tranquillità e dell’attenzione nelle prossime ore, che potrebbero essere caratterizzate da altre notizie che arrivano da questa causa stellare. Causa stellare dalle conseguenze incerte e che i mercati continueranno a utilizzare come metro di giudizio anche le evoluzioni di OpenAI.


img

Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che la «repressione» degli ambientalisti sarebbe «una delle minacce più pericolose per i diritti umani». Quando i no green pass venivano presi a manganellate, però, dal Palazzo di vetro nessuno ha mosso un dito.

Continua a leggere

La Cina replica all’indagine di Biden: «Ostacolo allo sviluppo». I leaks svelano la sorveglianza con componenti made in Cina.

Continua a leggere

Il bagliore calduccio di una candela può offrire ben più di un conforto caldo e avvolgente in una fredda notte d’inverno in casa, più di un’atmosfera romantica a tavola.

La continua combustione di una candela e di uno stoppino ricoperto di cera, benché primitiva nei mezzi, è stata un tempo un affidabile strumento di misurazione del tempo per molti secoli prima dell’invenzione dell’orologio meccanico a carica, per non parlare di quello digitale. In effetti, un tempo l’orologio a candela era piuttosto popolare.

Per molti, si basava sul ritmo uniforme di combustione di una candela di cera, utilizzando segni coerentemente distanziati sulla candela o sul suo supporto per misurare gli intervalli di tempo. Gli orologi a candela sono stati utilizzati da varie culture in tutto il mondo per circa 1.500 anni, forse anche di più. Questo dispositivo è in grado di indicare l’ora sia di giorno che di notte, indipendentemente dal tempo soleggiato o nuvoloso. Era un semplice sostituto del canto del gallo o della chiamata dell’araldo.

Le forme del dispositivo variano molto da un luogo all’altro e da un’epoca all’altra, ma il concetto è unico e di una semplicità elementare: La combustione di uno stoppino incorporato nella cera avviene a ritmo costante ed è utilizzata per indicare i periodi di tempo che passano. Inoltre, possono anche servire come sveglie. Ecco una parte della storia dell’orologio a candela e alcuni esemplari che illustrano questo antiquato ma affascinante segnatempo.

Orologi a candela nei secoli

Gli antichi Egizi sarebbero stati tra i primi a utilizzare le candele per misurare il tempo. Ne accendevano una al sorgere del sole e misuravano quanto tempo impiegava a bruciare fino a un certo punto, il che permetteva loro di misurare l’ora del giorno.

Il primo riferimento noto all’uso di orologi a candela risale al 520 d.C. in Cina, in un poema di You Jiangu. I documenti indicano che Jiangu utilizzava uno strumento composto da 6 candele ricavate da circa 112 grammi di cera; ogni candela era lunga 30 centimetri e mezzo circa e di spessore uniforme. Ogni candela impiegava quattro ore per bruciare ed era divisa in 12 sezioni, ciascuna lunga due centimetri e mezzo circa, per cui ogni sezione rappresentava 20 minuti. Similmente, in Asia, le candele venivano utilizzate per misurare il tempo in Giappone almeno fino all’inizio del X secolo.

Un esempio di antico orologio a candela in Germania. (Benutzer:Flyout/CC BY-SA 3.0) Un esempio di antico orologio a candela in Germania. (Benutzer:Flyout/CC BY-SA 3.0)

Nel frattempo, in Europa, l’invenzione parallela di questo dispositivo è stata attribuita dagli anglosassoni al re Alfredo il Grande. Lo stretto collaboratore di Alfredo, Asser, ha raccontato come il re abbia inventato l’orologio usando sei candele, ognuna fatta con circa 19 grammi di cera, ciascuna lunga 30 centimetri e mezzo circa e di spessore uniforme. Come Jiangu, Alfredo le segnò a intervalli di circa due centimetri e mezzo che rappresentavano 20 minuti ciascuno. Bruciando una dopo l’altra, avrebbero misurato il trascorrere di un periodo di 24 ore.

Si dice che gli orologi a candela siano stati utilizzati per tutto il Medioevo dai monaci in Europa, che accendevano le candele durante le cerimonie di preghiera per sapere quando la cerimonia si sarebbe conclusa.

Uno dei più sofisticati orologi a candela esistenti è stato ideato dall’ingegnere musulmano Al-Jazari nel 1206, il cui dispositivo non solo misurava il tempo, ma presentava anche un quadrante frontale che indicava le ore del giorno. Per realizzare questa impresa, l’ingegnere musulmano ha ideato un meccanismo di fissaggio per una candela di cera con un sistema di pulegge ponderate, che è stato descritto dall’ingegnere e storico inglese Donald Routledge Hill come segue:

La candela, di cui si conosceva la velocità di combustione, si appoggiava alla parte inferiore del tappo e lo stoppino passava attraverso il foro. La cera si raccoglieva nell’incavo e poteva essere rimossa periodicamente in modo da non interferire con la combustione costante. Il fondo della candela poggiava su un piatto poco profondo con un anello laterale collegato a un contrappeso tramite carrucole. Mentre la candela bruciava, il peso la spingeva verso l’alto a velocità costante. Gli automatismi venivano azionati dal piatto sul fondo della candela.

Al-Jazari era famoso anche per i suoi orologi ad acqua che, oltre a segnare l’ora, seguivano i movimenti dei corpi astrologici.

L'orologio a candela di Al-Jazari del 1206 era dotato di un quadrante che indicava l'ora. (Pubblico dominio) L’orologio a candela di Al-Jazari del 1206 era dotato di un quadrante che indicava l’ora. (Pubblico dominio)

In America, l’orologio a candela sarebbe stato utilizzato dai coloni già nel XVIII secolo per misurare i periodi di tempo dall’alba al tramonto, indicando ai contadini quando terminare la giornata di lavoro.

Ora, se tutto questo parlare di candele vi sta invogliando a tirare fuori una scatola di stoppini cerati dal vostro kit di sopravvivenza d’emergenza, sia per accendere un’atmosfera calda in una fredda notte d’inverno, sia per osservare il passare del tempo, ecco un altro incentivo all’uso dell’orologio a candela:

Sì, gli orologi a candela possono essere usati come sveglie

Mentre la tipica sveglia digitale è caratterizzata da fastidiose luci elettriche che tengono svegli durante la notte e da rumori stridenti e ronzanti che infondono malumori al risveglio mattutino, le sveglie a candela rappresentano un’alternativa più dolce e semplice.

Si dice che un tipo di sveglia a candela utilizzata nell’antica Roma prevedesse l’inserimento di chiodi nella cera di una candela a intervalli specifici. La candela era sostenuta da un supporto metallico, quindi quando la cera raggiungeva un certo livello il chiodo cadeva e provocava un rumore che svegliava il dormiente. Davvero semplice.

Un esemplare più sofisticato di sveglia a candela esiste ancora oggi in Italia, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, anche se non è più in uso. Concepito nel XVII secolo, questo orologio un tempo innovativo è dotato di un meccanismo a chiavistello e pietra focaia simile a quello di una pistola e veniva azionato da una candela accesa che lo faceva suonare a una certa ora.

Ma con la diffusione degli orologi a pendolo e degli orologi da tasca, quelli a candela sono andati in disuso, anche se sono stati utilizzati almeno fino al XVIII secolo. Oggi non sono più utilizzati.

Dimostrazione dal vivo di un orologio a candela al mattino, con diversi "allarmi" impostati nel corso della giornata. (The Epoch Times) Dimostrazione dal vivo di un orologio a candela al mattino, con diversi “allarmi” impostati nel corso della giornata. (The Epoch Times) L'orologio a candela segna il passaggio dal mattino al pomeriggio. (The Epoch Times) L’orologio a candela segna il passaggio dal mattino al pomeriggio. (The Epoch Times)

Eppure, con la nostra società sempre più connessa che rende sempre più difficile trovare un momento di solitudine, il tenue bagliore di una fiamma tremolante conserva un fascino indelebile.

Quale modo migliore di tornare alle origini e ai tempi più semplici se non accendere una candela, sia per illuminare la stanza, sia per riscaldare l’atmosfera in modo terapeutico, o per indicare il passare del tempo?

 

Articolo in lingua inglese: People Had ‘Candle Clocks’ to Tell Time Before Watches Were a Thing—And Even Candle Alarm Clocks

NEWSLETTER *Epoch Times Italia*

L'articolo Viaggio nel tempo, gli antichi ‘orologi a candela’ per leggere l’ora sembra essere il primo su Epoch Times Italia.


Il vulcanico e poliedrico Morgan racconta, in un faccia a faccia con Francesco Borgonovo, la sua amicizia con Giorgia Meloni commentando anche fatti di attualità. Ma durante la puntata parlerà anche di musica, di arte, del suo nuovo disco e... di Sanremo.

Continua a leggere

Il centrodestra ha ammesso la sconfitta in Sardegna. Paolo Truzzu ha fatto i complimenti a Alessandra Todde e pure Giorgia Meloni si è congratulata con la candidata di M5S e Pd, confessando di non poter neppure affogare nel vino la disperazione a causa Quaresima. Però, ed è notizia di ieri sera, il divario di voti tra i due si sta pian piano assottigliando via via che le schede vengono ricontrollate.

La distanza, si sa, era davvero risicata. Anzi: se nei voti di lista il centrodestra (48,8%) è decisamente avanti al centrosinistra (42,6%), nelle preferenze al governatore la Todde si è imposta grazie al voto disgiunto per un nonnulla. Parliamo di 2.615 preferenze con alcuni voti disgiunti contestati, diverse mancate attribuzioni al presidente di preferenze espresse per la lista e alcune schede nulle da verificare. Le elezioni sono sempre così, sia chiaro: con 1844 seggi totali, di cui solo 1825 che hanno inviato i verbali alle commissioni circoscrizionali, errori materiali sono sempre dietro l’angolo. Di solito la distanza tra i candidati rende ininfluenti le contestazioni sulle singole schede dubbie, ma stavolta qualcuno nel centrodestra ha sperato (o sta ancora sperando) in un possibile ribaltone.

Leggi anche:

A cinque giorni dallo spoglio, infatti, le operazioni di voto in Sardegna non sono ancora finite. E dunque, al netto delle dichiarazioni di circostanza, non c’è ancora stata la proclamazione ufficiale del vincitore. L’Unione Sarda scrive che le commissioni circoscrizionali stanno concludendo i calcoli per trasmettere poi i dati alla Corte di Appello di Cagliari che dovrà vidimare il tutto. Non parliamo di un vero e proprio riconteggio, che il centrodestra non ha chiesto, ma di una verifica dei documenti arrivati dai presidenti di seggio. Secondo quanto riporta il quotidiano sardo, tuttavia, in questa banale somma dei dati già noti la distanza tra Todde e Truzzu si sarebbe ridotta di oltre 1300 voti. Praticamente dimezzata.

Secondo il Fatto quotidiano, che cita fondi del Pd, il distacco sarebbe ancora inferiore. Per la precisione: non più di 800 voti, anche se Giuseppe Conte sostiene che “a noi risultano 1600 voti”. Fonti di centrodestra però riducono la forbice a sotto le mille preferenze. Le maggiori perplessità sarebbero legate a quattro sezioni a Sassari città e a due della Gallura. “Il mio naso democristiano – scrive sui social Gianfranco Rotondi – mi dice che tra qualche ora si riparlerà della Sardegna e i 2000 voti della ‘Dc con Rotondi’ saranno molto, molto rivalutati”.

Questo non basta a ribaltare l’esito delle elezioni, ovviamente. Secondo la legge regionale sarda al candidato presidente in vantaggio basta un solo voto in più per conquistare poltrona di governatore e pure premio di maggioranza. Resta il fatto che Todde e il centrosinistra, al netto dei toni trionfalistici, avrebbero vinto per qualche centinaio di voti. Sempre che – una volta arrivati in Corte di Appello – Truzzu non rompa gli indugi e non chieda il riconteggio dei voti vero e proprio. Il bollino della Corte di Appello è atteso comunque “a babbo morto”, come spiegava il candidato di centrodestra: non prima di una decina di giorni, forse anche ad aprile se i controlli dovessero estendersi a tutte le sezioni. A quel punto, se il margine attestato fosse sotto le mille preferenze, lo staff di Truzzi (da cui oggi trapela “prudenza”), potrebbe chiedere un riconteggio delle schede contestate e nulle.

Franco Lodige, 2 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


di MARILEE HAYLOCK* Il libertarismo è una nuova filosofia politica. Benché le sue radici si possano rinvenire alle origini della storia delle idee, è in questi ultimi venti anni che emerge come pensiero filosofico e politico ben definito. Si basa su di un’idea innovativa rispetto a quello che dovrebbe essere il ruolo del governo in…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti registrati. Visita il sito per maggiori informazioni.

The post La nostra battaglia è culturale e il nostro successo non è certo garantito appeared first on Miglioverde.


https%3A%2F%2Fsubstack-post-media

AI generated image

This is astoundingly shocking. A new report from the Swedish police has recently been published and it shows that something has gone terribly wrong in Sweden.

According to the new report, some 62.000 people in Sweden are connected to criminal gangs. To put this into perspective, consider that Sweden is a small country with only 10.4 million people.

"We are talking about system threatening crime with a large capacity for violence that silence witnesses, threaten social workers, infiltrate authorities and political parties...in the long run, the criminal networks threaten our free and open society" Justice Minister Gunnar Strömmer said at a press conference.

What makes things even more bleak is that a whopping 5.400 people under 18 years old are connected to criminal gangs.

In other words, we have thousands of children that are doing the work of the gangs. How could the situation get this bad?

And police chief Petra Lundh estimates that the real number of people connected to the gangs in Sweden is in fact likely to be higher.

"This is not only a police issue. This is significantly bigger than that. It is a common societal problem" she says.

The new right-wing government in Sweden has already begun to take measures against the criminal gangs, even going so far as to deploy the military to assist police in fighting the gangs.

I have been reporting on the problems in Sweden for many years. The mainstream media on the other hand has consistently tried to ignore or downplay it.

They called me names like "conspiracy theorist" or "far-right" because I was reporting the truth about what was about to happen in Sweden with the problem of criminal gangs taking over society.

But sadly I was correct.

Now the mainstream media has been forced to cover this issue as it cannot be ignore any longer.

You can read one of my earlier articles on the TRUTH about the Swedish gang crisis here:

We now have around 60 no-go zones in Sweden, with the police describing some of these as "lawless areas".

We have a bombing crisis in Sweden. In 2023 there was a whopping 149 bombing attacks, a new record high. This is unprecedented for a country that is not at war. Sweden, which was once known as one of the most peaceful countries on earth, now has one of the HIGHEST bombing rates in the entire world!

What went wrong?

Sweden also has a rape crisis. Some years ago, the mainstream media ridiculed people like me as "conspiracy theorists" for sounding the alarm on the insane number of rapes happening in the country.

Now it is common knowledge that Sweden has one of the highest number of rapes in the world, a disaster.

You can read my article on the TRUTH about the Swedish rape crisis here:

So what went wrong in Sweden? Nobody in the mainstream media wants to talk about the elephant in the room.

Decades of Socialist policies have destroyed Sweden.

Let’s just hope it is not too late to turn this ship around.


I need your help.

I'm working to bring you the REAL NEWS that the mainstream media is hiding from you, but I cannot do it alone - I need your support to be able to do it.

If you appreciate the work that I'm doing, please become a paid subscriber for only $7 per month AND you will get access to exclusive in-depth articles available only to paid subscribers.

With your support I can continue to EXPOSE the mainstream narrative.

Thank you :)

Subscribe now


È la notte del 27 marzo del 2020. Napoli. Alle quattro del mattino Pasquale interviene per sventare una rapina in corso in banca. I malviventi si danno alla fuga e speronano la volante guidata da Apicella, agente scelto, 37 anni, due figli di cui una di pochi mesi. L’impatto non gli lascia scampo mentre il collega di pattuglia, Salvatore Colucci, viene ferito in modo grave.

Catania. 15 gennaio del 2019. Angelo Spadaro presta soccorso ad un incidente in autostrada nel bel mezzo di un nubifragio. La volante ha tutti i lampeggianti accesi ma un camion la tampona provocando il disastro: il collega salta nel burrone oltre il guardrail, Angelo non fa in tempo: lo spigolo del rimorchio dell’autoarticolato lo urta, uccidendolo. Aveva solo 56 anni.

Sono le 8.25 del 2 marzo 2003. Una pattuglia in servizio a Terontola-Cortona sale sul treno Roma-Firenze per effettuare una tranquillissima scorta dei viaggiatori. Routine. Durante il viaggio, gli agenti notano alcuni passeggeri sospetti, un uomo e una donna: quando chiedono loro i documenti, poi risultati falsi, i malviventi tirano fuori un’arma, la puntano al collo del sovrintendente Emanuele Petri, ne nasce un conflitto a fuoco in cui Mario Galesi colpisce alla gola il poliziotto e lo ammazza. Da quel controllo, e dal successivo arresto di Nadia Desdemona Lioce, inizia l’indagine che porterà, in breve tempo, allo smantellamento delle Nuove Brigate Rosse responsabili degli omicidi dei giuslavoristi Massimo D’Antona e Marco Biagi.

Bellano, Lecco, anno 2017. Francesco Alfredo Pischedda è in servizio la sera del 2 febbraio quando inizia un inseguimento per fermare un veicolo rubato con diverse persone a bordo. Il Ducato sbatte contro il guardrail, i malviventi scappano nelle campagne circostanti, Alfredo si mette “generosamente” alla caccia di uno dei fuggitivi: nasce una colluttazione e l’agente cade da un dirupo alto 10 metri. Muore il giorno successivo, all’1.50 di notte, nonostante i numerosi interventi chirurgici. Lascia la moglie Anna e la bimba piccola, di circa nove mesi.

Il lettore ci scusi per la lunga, seppur non esaustiva, sequela di racconti. Sono però le storie, spesso dimenticate, di cinque appartenenti alla Polizia morti per causa di servizio. Padri. Mariti. Compagni. Servitori dello Stato. Direbbe Pasolini, “figli dei poveri” che si alzavano ogni giorno per garantire la sicurezza e l’incolumità di tutti, compresi gli intellettuali impegnati, consapevoli che molte cose in un giorno sfortunato possono non filare lisce. Come è poi successo.

Perché parlarne oggi? Perché da una settimana, dai fatti di Pisa in poi, quei “figli dei poveri” vengono descritti come manganellatori, accusati di ogni nefandezza, delegittimati, fianco accusati di essere una sorta di banda di assassini in diretta tv nazionale.

Difficile dire se Christian Raimo, oltre ad investire il tempo per redigere il suo elenco di presunti “bravi ragazzi” uccisi dalle forze dell’ordine, abbia avuto modo di farsi un giro nel sacrario virtuale della polizia di Stato. Quando è stato aperto, nel 2004, conteneva 2388 lapidi, da quella di Felice Conti – morto nel 1960 a Milano mentre portava in questura alcuni criminali – a Stefano Biondi, caduto in servizio in autostrada nel 2004. Oggi nel sacrario ci sono almeno 2515 lapidi, anche se sono inclusi pure gli uomini in divisa caduti in guerra. Da una verifica spannometrica, comunque, dal 1948 in poi si contano circa mille poliziotti deceduti, di cui 85 dal 2000 ad oggi, tragico bollettino che non tiene conto dei Carabinieri o di altri corpi: addii recenti, silenziosi, su cui è calato un tragico velo di dimenticanza.

Per comprendere il fenomeno, lo “storico” Raimo potrebbe leggersi “Guardie”, il libro che raccoglie 104 ricordi delle vittime in divisa del terrorismo. Oppure potrebbe andare a spulciarsi un po’ di dati veri, anziché citare a sproposito Carlo Giuliani, inserito nell’ignobile elenco anti-polizia, dimenticando che la morte del “ragazzo” in piazza Alimonda a Genova lo si deve al suo tentativo di scagliare un estintore addosso a un carabiniere intrappolato all’interno del defender dell’Arma preso d’assalto dai black bloc. Mario Placanica, giusto per amor di verità, è stato assolto perché agì per legittima difesa.

Capiamo le difficoltà, sia chiaro. Non è facile ricostruire con esattezza il numero di agenti delle forze dell’ordine caduti in servizio negli ultimi anni. Non esiste un elenco ufficiale preciso, e spesso i motivi del decesso sono così variegati, provocati da condizioni particolare, che risulta pure complicato radunarli in una statistica precisa. Occorre affidarsi all’occhio, un po’ come col cartellone di Raimo. Esiste tuttavia una tabella, che va dal 1961 al 2019 circa, con tutte le “vittime del dovere” della Repubblica. Lo pubblica il ministero dell’Interno e raccoglie morti e feriti a cui lo Stato corrisponde una indennità: poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, forze armate, privati cittadini o dipendenti pubblici che hanno riportato lesioni in operazioni di soccorso, nella vigilanza a infrastrutture militari o civili, durante attività di contrasto alla criminalità, di ordine pubblico o di prevenzione di reati. Una lista nera più lunga di quella redatta da Raimo e che supera di gran lunga le 2mila unità tra morti e feriti, di cui almeno 711 decessi.

Non si tratta, però, di un elenco esaustivo. Mancano quegli “eroi” con le stellette per i quali non è stata fatta richiesta formale di rientrare tra le “vittime del dovere”. Storie. Famiglie. Vite. Raimo passi un paio d’ore a spulciare il sacrario della polizia di Stato prima di inveire contro di loro e chiederne il disarmo. Rivedrà le sue convinzioni, forse. In fondo solo gli stolti non cambiano idea.

Giuseppe De Lorenzo, 1 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


L’unica cosa peggiore del dividersi fra alleati, nel momento più drammatico di una guerra, è il farlo pubblicamente. E l’unica cosa peggiore del dividersi pubblicamente, di fronte a una minaccia che di comune accordo viene definita «esistenziale», è il gestirla come fosse un problema contabile. Eppure, di fronte all’aggressione di Vladimir Putin all’Ucraina e all’ordine internazionale, i governi europei stanno riuscendo a inanellare tutti questi errori con stupefacente naturalezza. Rientra senz’altro in questa categoria l’ultima uscita di Emmanuel Macron. Lunedì il presidente francese si è rifiutato di escludere un impegno dei militari europei in Ucraina contro la Russia, ma lo ha fatto senza prima aver costruito neanche un embrione di consenso su un’idea dirompente come sfidare sul campo di battaglia la seconda superpotenza nucleare del pianeta. Così, in un colpo solo, Macron è riuscito in una serie di evitabili sbandate. Ha esposto le divisioni fra i Paesi europei, ma soprattutto la loro confusione strategica quanto alla risposta da dare a Vladimir Putin. Ed ha esposto se stesso ad accuse di ipocrisia da parte degli altri governi, perché la Francia non sembra affatto primeggiare in Europa per il sostegno all’Ucraina. Secondo i dati riportati dal Kiel Institute for the World Economy, gli aiuti francesi a Kiev varrebbero in totale 640 milioni di euro: in valore assoluto, circa la metà di quelli della Repubblica Ceca; in percentuale alle dimensioni dell’economia, il totale del sostegno di Parigi all’Ucraina sarebbe inferiore a quello dell’Ungheria filorussa di Viktor Orbán. Va aggiunto qui per onestà che, secondo lo stesso istituto di Kiel, il sostegno militare italiano all’Ucraina sarebbe di appena 30 milioni di euro superiore a quello di Parigi; e che la Germania in due anni ha fornito dieci volte più aiuti di Italia e Francia, in proporzione alle dimensioni delle rispettive economie. A Roma si contestano queste cifre, osservando che esse non terrebbero conto di certi aiuti che il governo italiano preferisce non rendere noti. Ma, anche così, incolpare il Congresso americano perché tiene bloccato il pacchetto da 60 miliardi di dollari per Kiev sarebbe ipocrita: i nodi europei ormai vengono al pettine, impossibili da dissimulare.

Prendiamo quel che è accaduto mercoledì a Bruxelles fra gli ambasciatori dei Ventisette. Si discuteva dello «Ukraine Assistance Fund», un fondo da cinque miliardi l’anno per comprare armi da dare a Kiev. Servono, urgentemente, tre milioni di proiettili da 155 millimetri all’anno. È il razionamento in Ucraina di queste munizioni che spiega le recenti avanzate russe. Il problema è che in Europa — per ragioni che spiegheremo tra un attimo — mancano i proiettili da comprare. Mercoledì Italia e Olanda hanno dunque proposto di usare i fondi europei per comprare al più presto pezzi da 155 millimetri sul mercato mondiale, in modo da mandarli a Kiev prima che sia tardi. La proposta non è passata: la Francia si è opposta. Il motivo? Dovremmo comprare solo munizioni «made in the EU», cioè spesso «in France», perché va costruita l’«autonomia strategica» dell’industria europea della difesa: obiettivo in sé nobile, peccato che nel frattempo l’Ucraina viene distrutta dall’artiglieria russa. Usare una tragica guerra come strumento di politica industriale non sembra un colpo di genio. Ma prendersela con i protagonismi di Macron sarebbe troppo facile, perché gli errori sono di tutti. Italia e Germania incluse.

Berlino, quanto allo «Ukraine Assistance Fund», sembra ossessionata da un astruso problema di contabilità del suo contributo. E l’Italia è fra i governi che hanno insabbiato a Bruxelles l’idea di dare priorità all’invio di munizioni a Kiev, rispetto alle spedizioni già concordate verso Paesi terzi. La Commissione Ue si era persino offerta di pagare lei stessa le penali, in caso di problemi sui contratti per forniture in ritardo a governi lontani (spesso, del Golfo). Invece l’interesse commerciale immediato ha prevalso – «teniamoci buoni nostri clienti» – quindi quasi metà delle munizioni europee continua a partire per continenti lontani, mentre l’Ucraina sanguina. Difficile perseguire degli obiettivi strategici, quando prevalgono le frasi grandiose, gli approcci ragionieristici, i calcoli commerciali. Correttamente, i governi europei definiscono «esistenziale» la minaccia di Putin e vogliono contrastarla. È ora di mettere più coerenza fra le parole, le photo opportunity e gli atti. Non è tardi per riuscirci.

 

Corriere della Sera

L'articolo Su Kiev trionfa l’Europa dei ragionieri proviene da Fondazione Luigi Einaudi.


img

L’idea di Macron (spedire soldati nel Donbass) è bocciata dai francesi e dagli alleati, ma Lituania ed Estonia chiedono di prenderla sul serio. E il commissario Thierry Breton rialza il tiro: «L’Europa passi a un’economia bellica».

Continua a leggere

La soluzione di ICP, senza exchange centralizzati, per scambiare Ethereum contro Bitcoin.

Scambiare Bitcoin per Ethereum e viceversa è relativamente semplice oggi, con decine di exchange che offrono questa coppia. Tuttavia, per chi vuole farlo in modo decentralizzato, le cose si complicano. Le due chain non sono compatibili e non si può procedere dunque allo scambio diretto come faremmo tra due token del mondo Ethereum, Solana o comunque emessi secondo gli standard di cui sopra.

Di soluzioni per ovviare a questo problema ne sono state offerte diverse, alcune anche piuttosto popolari tra i trader. Tuttavia non sempre abbiamo idea di quanto possano essere pericolose e di quello che avviene dietro le quinte.

Tenendo conto di quelli che sono problemi esistenti e importanti, Internet Computer ha proposto una nuova soluzione. Utilizza ckBTC e ckETH – dei quali ti abbiamo parlato anche qui – una versione sintetica di Bitcoin e Ethereum che però può interagire direttamente con le rispettive chain. L’obiettivo? Quello di offrire scambi il più possibile decentralizzati, eliminando però quelli che sono i problemi tipici di bridge e asset sintetici.

Da Bitcoin a Ethereum e ritorno: le diverse alternative

C’è chi non ha assolutamente intenzione di tornare in fiat, e quindi in euro e dollari, e preferirebbe scambiare direttamente Bitcoin in Ethereum. Di soluzioni, come abbiamo visto già nell’introduzione, ce ne sono diverse. Ognuna di queste presenta però pro e contro e non è – almeno ad avviso di chi vi scrive – adatta a tutti.

no cex La possibilità di fare scambi BTC <-> ETH senza CEX

Gli exchange centralizzati funzionano bene. Tutti o quasi listano la coppia BTC/ETH e offrono scambi rapidi e relativamente a basso costo. Tuttavia rimane il problema – non da poco per gli appassionati della decentralizzazione offerta dalle crypto – della custodia (che dobbiamo affidare a terzi) e dei problemi eventuali che si possono avere nell’operare tramite uno scambio centralizzato. Non va dimenticata neanche la tutela della nostra privacy. Oggi tutti i principali exchange impongono procedure per l’identificazione rigorose che ci rendono visibili a tutti, anche a eventuali hacker. Si può fare dunque in modo decentralizzato? Sì, anche se le soluzioni di vecchia generazione presentano comunque altri problemi.

  • Bridge e asset sintetici

I mercati decentralizzati sono sempre alla ricerca di soluzioni e per lo scambio tra Bitcoin e Ethereum la cosa si è risolta nel modo più semplice, più centralizzato e più rischioso, sotto alcuni aspetti, possibile.

WBTC è una delle versioni sintetiche di Bitcoin, un token crypto che su rete Ethereum può essere scambiato contro qualunque altro tipo di asset. Ce ne sono poi altri anche su chain alternative, che presentano grossomodo la stessa struttura.

Ci sono due ordini di problemi: il primo è che dobbiamo fidarci di chi gestisce il token sintetico – e della sua capacità di detenere riserve 1:1 e di scambiarle sempre. E in più abbiamo anche il problema piuttosto ricorrente degli hack ai bridge e strutture informatiche simili. Anche qui, siamo lontani dall’ottimale, cosa che ha lasciato uno spazio importante per la soluzione offerta da ICP e della quale ti parleremo tra poco, made in ICP.

ckBTC e ckETH per fare scambi quasi nativi

La soluzione offerta da ICP prevede sempre due asset sintetici, ovvero ckBTC e ckETH, che sono versioni di token secondo gli standard della chain di cui sopra, che però hanno un modo piuttosto particolare di funzionare.

Non c’è un intermediario centralizzato a garantirne la convertibilità. I canister, gli smart contract su ICP, sono infatti in grado di interagire direttamente sia con la blockchain di Bitcoin, sia invece con quella di Ethereum. Tali smart canister possono operare sulla chain in modo nativo, permettendoci così di portare i nostri asset, sinteticamente ma in modo decentralizzato, all’interno dell’infrastruttura di ICP, per poi uscirne quando ne sentiremo il bisogno, in maniera altrettanto decentralizzata.

  • Gli step

Farlo è piuttosto semplice. Inviamo i nostri Ethereum allo smart contract designato da ICP su rete ETH. Tramite questi Ethereum inviati verranno forgiati dei ckETH che verranno trasferiti su rete ICP. Quando vorremo poi tornare su rete ETH, ci basterà seguire la procedura inversa, per riaverli in versione nativa su rete Ethereum.

Allo stesso identico modo potremo effettuare la procedura con Bitcoin. E lo scambio può avvenire sui dex che operano su ICP senza dover compromettere la centralizzazione nella procedura di creazione di asset sintetici. E potremo inoltre farlo con i costi bassi di fee che questa rete garantisce, così come in tempi certamente più rapidi almeno rispetto all’ambiente Ethereum.

  • I vantaggi

Rispetto alle soluzioni classiche, CEX, con bridge e custodial, i vantaggi offerti dalla soluzione di ICP sono diversi: decentralizzati, trustless, bridge-less e cross-chain.

DECENTRALIZZAZIONE: non dovremo fidarci di chi si offre di cambiare i token sintetici in Bitcoin o Ethereum. I canister possono interagire direttamente con le relative chain di appartenenza, senza intermediari che potrebbero sottrarre valore o peggio fallire.

SOLUZIONE NON-CUSTODIAL: utilizzando le soluzioni di ICP per scambiare BTC per ETH saremo sempre in possesso dei nostri asset, in forma di ckBTC e ckETH. Sarà infatti uno smart contract (canister) a occuparsi della conversione, senza intervento di terzi.

COSTI: ICP ad oggi offre tra i costi più bassi di transazione. Spostare istantaneamente ckBTC e ckETH costa millesimi di centesimi, una quantità di denaro completamente ininfluente per le nostre risorse. Ricordiamo che nell’ecosistema ICP le gas fee non sono a carico degli utenti, ma dei developers, grazie a quello che viene chiamato Reverse Gas Model.

VELOCITÀ: finalità a 1 secondo, cosa che possono offrire pochissimi protocolli e praticamente nessuno che offra comunque l’infrastruttura di ICP e un parco Dapps così strutturato.

USER-FRIENDLY: i DEX presenti su ICP hanno un’interfaccia intuitiva e un’esperienza utente complessivamente di livello, vedi ad esempio quanto viene proposto da Helix Markets. Con ICPSWap abbiamo anche la possibilità di cambiare BTC per ckBTC da un’interfaccia web accessibile anche a chi non ha conoscenze tecniche specifiche. Con Sonic invece abbiamo una Dapp lineare e intuitiva per scambiare ckBTC per ckETH, in entrambi i versi.

ECOSISTEMA DeFi: su ICP si trova già un ecosistema DeFi completo dove poter interagire con i propri ck tokens in attività come trade, stake e partecipazione a liquidity pool. Possiamo sfruttare ckBTC e ckETH lungo tutto l’ecosistema dei DEX su ICP.

Per operare e saperne di più

Gli amanti, i curiosi e gli esperti di ICP possono vantare anche di una community italiana, ICP Hub Italia, che segue le evoluzioni del protocollo e che accoglie i nuovi arrivati nell’ecosistema. È disponibile un canale Telegram, ideale per chi ne vuole saperne di più su ICP, su questa tecnologia e su quanto ha da offrire, come appunto gli swap cross-chain tra BTC/ETH e come fare.

Per quanto riguarda l’operatività, ICP oggi offre già diversi DEX che possiamo utilizzare per scambiare ckBTC contro ckETH: Sonic, ICPSwap e Helix Markets offrono la migliore profondità di mercato e interfaccia ed è da qui che si deve partire se vogliamo swappare BTC e ETH a costi bassi e con transazioni rapide. Puoi accedere a questi ecosistemi DEX qui e buono swap!


tightropewalker-800x508

 

 

di Francesco Simoncelli

La cosa straordinaria è che nessuno pensa che ciò che sta accadendo sia davvero straordinario, ovverosia fuori dall'ordinario: cose che una volta consideravamo criminali, ora sono rispettabili e, soprattutto, perseguibili come buona pratica. I peccati sono ora considerati virtù; la stupidità, l’incompetenza e la corruzione sono ormai prerequisiti per ricoprire una carica pubblica. Gli acquisti di titoli sovrani in Europa, in particolare in Italia, fanno segnare cifre sostenute, come se gli investitori non se ne preoccupassero. I bilanci statali non vengono più presi in considerazione, né inseriti in un calcolo ossequioso profitti/perdite; non viene fatto alcun tentativo per allineare i deflussi alle entrate. Invece, in una forma d'improvvisazione della tenuta dei conti, la spesa pubblica italiana corre senza freni, senza alcuna discussione seria a riguardo o dissenso. Il governo italiano è come un'auto piena di ubriachi che sfreccia lungo l'autostrada mentre discutono su cosa ascoltare alla radio.

Ancora più straordinario, le persone continuano a prestare denaro al governo italiano, in una sorta di delirio mistico che aspetta con irrequietezza un taglio dei tassi della BCE. E che ci crediate o no, c'è stato un tempo in cui la gente pensava che l'omicidio di massa e la distruzione di massa fossero al di sotto del disprezzo. Sebbene l’ONU li abbia solennemente messi fuori legge entrambi, oggi sono caratteristiche rispettabili della politica estera. Dopo aver vissuto il 2023, mi chiedo: come può il 2024 superare questi traguardi? Quale cosa sciocca, maligna e spaventosa accadrà quest’anno? Piuttosto che fingere di poter conoscere il futuro, diamo un’occhiata a che tipo di sorprese potrebbe valer la pena di prepararsi.

In primo luogo, un capitombolo del sistema bancario europeo. Questo è un fattore che va analizzato più a fondo, dato che si tratta dello sviluppo su cui ruota tutta la propaganda di guerra europea e gli sforzi fiscali messi in campo per dare respiro alla BCE affinché non sia la prima a distaccarsi dal vagone “rialzo dei tassi” avviato dalla FED. Perché se dovesse essere la prima a farlo, allora è game over per l'UE e i suoi sogni di pianificazione centralizzata. Come ripetuto spesso su queste pagine, il vero malato economico nel mondo finanziario è il sistema bancario commerciale europeo. Inutile dire che gli stress test non sono affidabili come strumento di diagnosi di un malessere nel sistema bancario commerciale. Di conseguenza per tenerlo in piedi sono necessarie costanti iniezioni di liquidità affinché si abbia la percezione che esso sia ben puntellato in caso di shock "esogeno". La cancrena che sobbolle sotto la superficie è stata alimentata da anni di tassi d'interesse negativi, i quali hanno creato una pletora di titoli tossici (una volta che sono stati rialzati i tassi di riferimento) che tengono sommersi i bilanci delle varie banche europee. Nessuno è spaventato dalle banche americane, ma tutti sono spaventati dalle banche europee e dalla loro condizione di mina vagante. Data l'interconnessione moderna del sistema finanziario, un crollo che avviene in un angolo remoto del mondo da parte di un player di cui nessuno aveva avuto notizia fino a quel momento può far vacillare un'istituzione di rilievo dall'altro capo del mondo. A tal proposito rileggere la storia di LTCM è propedeutico.

E come se non bastasse, ciò s'inserisce in un quadro geopolitico che vede scontrarsi Stati Uniti ed Europa.

1/ A un certo punto qualcuno in Europa s'è svegliato e ha capito che s'erano persi uno sviluppo tecnologico/industriale (hardware, software, innovazione) cruciale del XXI secolo. Adesso l'UE tenta di stare al passo a colpi di burocrazia, multe e sanzioni.https://t.co/ZUKlIWAbSK

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 19, 2024

2/ Al solito, qual è lo scopo? Dato che in UE sono inesistenti aziende tecnologiche competitive, il tentativo è quello di muovere una guerra commerciale ai grandi poli industriali elettronici (americani e asiatici).

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 16, 2024

Altra tessera che s'inserisce nel mosaico più ampio che descrivo sin da quando Powell ha rialzato i tassi: esiste una corrente megapolitica che vuole vandalizzare gli USA (sostenuta dall'UE) e un'altra che vuole ricostruirli lungo binari sostenibili.https://t.co/y9T7fkm6jp

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 13, 2024

La paura di contagi sistemici è quella che sta guidando personaggi di spicco, come Bezos ad esempio, a scaricare le azioni delle proprie società e incamerare liquidità. Per quanto siano le banche europee l'anello debole all'interno del sistema finanziario mondiale, questa gente non vuole finire nel fuoco incrociato. Infatti per quanto la stampa generalista abbia enfatizzato il fallimento di alcune banche americane l'anno scorso, esse si trovavano tutte nel distretto di competenza della FED di San Francisco. Nessuna banca è fallita nel distretto di competenza della FED di New York. Al contrario il deterioramento dei bilanci bancari europei non ha confini demarcati e passa per Francia, Germania, Italia, ecc. Stando così le cose è necessaria una giustificazione credibile affinché il denaro continui a scorrere ora che Powell ha chiuso i rubinetti del mercato dell'eurodollaro: la guerra in Ucraina, o per meglio dire, un riciclaggio attraverso di essa. Tutta la fanfara dei media generalisti di questi giorni riguardo la morte di Navalny è stata solo una sporca strumentalizzazione dell'evento affinché si creasse la giustificazione morale e si accettasse/accelerasse l'emissione di titoli pari a €100 miliardi per “aiutare” l'Ucraina.

Bisogna mantenere l’Ucraina in vita per giustificare la spesa di altri €100 miliardi da riciclare nelle banche francesi e tedesche sull'orlo del fallimento, sedute su ingenti perdite derivanti da tutto il debito acquistato durante il periodo della NIRP.

Facciamo un passo indietro e spieghiamo meglio questa faccenda e perché l'élite europea ci tiene tanto. La leadership dell’UE, la quale abbraccia fortemente l'agenda della cricca di Davos, ha lavorato per conferire alla Commissione europea il potere d'imporre tasse potere attraverso l’emissione di obbligazioni e un meccanismo fiscale centralizzato. L'impianto di questa architettura è stato testato dopo il COVID con le obbligazioni SURE. E badate bene, non esiste scoperta dei prezzi in questo tipo di mercato, dal momento che sono un enorme strumento politico: danno alla Commissione Europea la possibilità d'imporre tasse per pagare la cedola dello 0,1% su di essi. Nonostante tutta la grancassa con cui sono stati presentati alla platea degli investitori questi ultimi sono ancora seduti su perdite del 40% su tali titoli. Se il primo giro viene venduto con uno sconto del 40-50%, quale cedola si dovrà offrire per convincere qualcuno ad acquistare il giro successivo? E questo è uno dei motivi per cui c’è tanta urgenza affinché le banche centrali, la BCE più di tutte, abbassi i tassi.

sure%20bonds
Fonte

L’UE non può permettersi di raccogliere il capitale di cui ha bisogno per completare i suoi piani d'integrazione fiscale con una BCE costretta al 4,5% per tenere il passo della FED. C'è disperata necessità che questi tassi tornino vicini allo zero per finanziare i grandi sogni di un futuro totalitario senza idrocarburi. La linea di politica di tassi “più alti più a lungo” di Powell sta mettendo sotto pressione non solo il sistema bancario europeo, ma anche i suoi obiettivi politici. Niente di tutto questo è lontanamente sostenibile ai tassi attuali e per chiunque pensi che gli Stati Uniti siano più vulnerabili rispetto all’UE, vi invito a prendere in considerazione l'inabissarsi dell'euro nel commercio internazionale. Si parla tanto di de-dollarizzazione, infatti, ma nei numeri reali c'è una de-euroizzazione.

Questi titoli di guerra sono supportati dai soliti sospetti della militarizzazione dell’UE: il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. E, date le premesse, spenderanno tutto il capitale politico necessario per imporre questa architettura ai cittadini europei. Inoltre ora dovrebbe essere chiaro che questo è il motivo per cui ce l'hanno a morte con Viktor Orban per aver bloccato il pacchetto di aiuti da €50 miliardi all’Ucraina.

"O con noi, o contro di noi" è l'essenza di quella farsa in Europa che ancora alcuni hanno il coraggio di chiamare democrazia.https://t.co/nrA8iOTl6A

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) January 26, 2024

Questo è solo l’inizio dei piani dell'élite europea/cricca di Davos per trasferire la sovranità dalle mani degli stati membri a Bruxelles, ma per vendere tutto questo agli investitori devono dimostrare al mondo di avere sotto controllo tutte le voci ribelli. Il debito sovrano è garantito attraverso la tassazione e la capacità produttiva della popolazione; l’UE non ha nessuna delle due. E questo, a sua volta, ci porta alla seconda sorpresa a cui eventualmente prepararsi: l'implementazione effettiva dell'euro digitale. Le voci di una CBDC europea, infatti, si stanno facendo sempre più insistenti. Questa accelerazione è proporzionale al tempo che si esaurisce nella clessidra della cricca di Davos per trovare una fonte alternativa all'eurodollaro con cui finanziarsi. Senza contare che rappresenta un modo per sottrarre quote di mercato a Visa e Mastercard; non dimenticate la guerra in atto tra USA ed Europa (a ciò bisogna aggiungere anche la mela avvelenata delle aziende europee che delocalizzano negli Stati Uniti, le quali si portano dietro il coacervo di burocrazia emanato dall'UE). E dati i pericoli insiti nell'euro digitale, ci sarà una particolare rapacità nei confronti dei risparmi degli individui, dei loro investimenti, delle loro energie e, soprattutto, del loro tempo. Quest'ultimo è la variabile che la cicca di Davos vuole disperatamente. Ora che Powell ha chiuso i rubinetti dei dollari fantasma, tutti quei progetti distopici che avevano in mente stanno andando in frantumi. Ecco perché quest'anno volevano “ricostruire ponti”. JP Morgan, e Dimon in particolare, ha mostrato loro un bel dito medio. A casa loro. Gli USA andranno avanti per la loro strada, cercando di ricostruire i mercati dei capitali interni e isolandosi ancor di più dal resto del mondo dal punto di vista energetico/economico (es. accorciando le supply chain). Il problema è che la cricca di Davos, insieme a tutti quelli che si abbeveravano dalla fonte degli eurodollari, preferiscono veder bruciare il mondo piuttosto che darsi per vinti. E questo è qualcosa che tutti sanno nel mondo della megapolitica. Ecco perché il mondo si sta pericolosamente riarmando.

Il segretario generale della Nato Stoltenberg: “Il confronto con la Russia potrebbe durare decenni, accelerare produzione di armi”

China’s Shipyards Are Ready for a Protracted War. America’s Aren’t.

'Mosca ha usato per la prima volta il missile ipersonico Zirkon'

L'Iran lancia missile balistico a lungo raggio da una nave

Biden administration is leaning toward supplying Ukraine with long-range missiles

Ciò rappresenta la terza sorpresa da prendere in considerazione: una guerra più grande e più pericolosa. Finora la guerra reale è rimasta circoscritta nell'ambito finanziario, con qualche esplosione di guerra cinetica a macchia di leopardo. Speriamo che rimanga tale e che il riarmo sia solo una politica di rischio calcolato. Ma, soprattutto, speriamo che la cricca di Davos esaurisca tempo e denaro prima di una guerra cinetica su larga scala. Tale esito potrebbe realizzarsi se si verificasse la quarta sorpresa: tassi d'interesse ancora più alti. Oltre ai deficit attuali i vari governi del mondo hanno debiti che ora devono essere rifinanziati a tassi d'interesse molto più alti. I grandi acquirenti istituzionali di obbligazioni vorranno protezione dalle evidenti crisi future. Default, inflazione, o semplicemente tassi più alti sono tutti buoni motivi per richiedere rendimenti più elevati. Gli Stati Uniti si sono preparati a questa eventualità e non a caso Powell è stato il primo a rialzare i tassi di riferimento della FED nel 2022 quando è stato ufficializzato, qualche mese prima, il SOFR ovvero l'indicizzazione dei debiti statunitensi non più tramite uno strumento internazionale (LIBOR) bensì nazionale. In questo modo sono stati colti due piccioni con una fava: far vedere che il vero malato del mondo è l'UE, e non gli USA, forzare la mano del Congresso a mettere ordine nel lato fiscale dell'equazione.

Ed ecco la "prova provata" di quello che dico spesso: la FED, dopo aver messo ordine sul lato monetario dell'equazione, sta cercando d'influenzare la messa in ordine anche di quello fiscale. Attualmente il Congresso e l'amministrazione Biden sono un coacervo d'infiltrati/vandali. https://t.co/iF5RAzlaOH

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 6, 2024

La quinta sorpresa: la recessione. I media generalisti dicono agli investitori che non ci sarà né un hard landing, né un soft landing; anzi non ci sarà alcun atterraggio e i prezzi degli asset finanziari rimarranno alti... presumibilmente per sempre. Ma la combinazione di tassi d'interesse più alti, fallimenti aziendali e consumatori a corto di soldi porterà infine a quella recessione che si sta negando. Quando scrivo “porterà” intendo sui titoli dei giornali e nei notiziari, dato che in crisi/recessione ci siamo già nei fatti... i numeri invece, beh, quelli possono essere aggiustati.

2/ Ovviamente questa gente che s'impegna per innalzare il picco della stupidità umana non si chiede "a che prezzo". Ce lo dice l'Handelsblatt qual è.https://t.co/9u4C1QtgXo

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 7, 2024

I rischi principali, cari lettori, sia nel mercato azionario, nel mercato obbligazionario, nell’economia o nella geopolitica, hanno tutti come risultato guai più grossi all'orizzonte. Ognuno di essi, da solo o insieme, provocherebbe una crisi di tale portata, se ufficializzata, da ridurre le entrate fiscali a fronte di una spesa pubblica crescente. I deficit pubblici dovrebbero, quindi, essere gonfiati ulteriormente, i tassi d'interesse salirebbero, le aziende, sopravvissute fino a quel momento con le unghie e i denti, fallirebbero, le azioni crollerebbero e il clamore – probabilmente panico, di tagliare i tassi d'interesse e tornare ad acquistare debito pubblico con denaro fasullo – sarebbe irresistibile. Attenzione, come sempre, a un particolare: chi brama di tagliare i tassi è la BCE, non la FED. Gli USA, come ripeto spesso, si trovano in vantaggio in quella famosa gara al ribasso, anche nota come race to the bottom, rispetto all'Europa, la quale invece guida la carovana verso l'abisso.

GGn1xXbXwAAcff4

“Inflate or Die”, il ritornello rimane lo stesso. Nei prossimi mesi vedremo più note basse che alte, più “Die” che “Inflate”, ma quello sarà solo un preludio. Potremmo definirlo una sorta di riscaldamento, mentre l'orchestra accorda gli strumenti, prende il ritmo per intonare una sinfonia e inizia a suonare un motivo che ricalca le note dell'Argentina pre-Milei.

LA SINFONIA DELLA DISTRUZIONE

Sui mercati il 2023 ci ha ricordato che ci sono sempre sorprese. Chi avrebbe mai pensato che le azioni avrebbero dato vita a uno dei più grandi mercati rialzisti di sempre mentre allo stesso tempo i tassi d'interesse stavano salendo al ritmo più veloce della storia economica? E chi avrebbe potuto prevedere un aumento così forte del “costo del denaro” senza una recessione (ufficiale)? In realtà la risposta per tutti può essere solo una: la liquidità.

liquidity

Queste erano “sorprese”, ma nessuna di esse cambia il quadro di riferimento: guardare oltre i movimenti del mercato e i titoli politici. Ciò che voglio descrivere sono le tendenze di base a lungo termine che determinano il corso della storia: la “megapolitica”.

Nei mercati la tendenza primaria è cambiata. È vero, i prezzi delle azioni sono vicini ai massimi storici, ma non se aggiustati all’inflazione e sebbene accadano molte cose sorprendenti, il cosiddetto Trend Primario riflette un movimento più importante. Dai tori agli orsi, dall’avidità alla paura, dall’ottimismo alla disperazione: l’epoca delle bolle seriali è finita. Certo, ci saranno ancora delle bolle ma non saranno tenute gonfie dal ciclo del credito o dalla FED. Ci sono schemi per tutto. Quando ascoltate un brano musicale, ad esempio, potete anticipare dove andrà a finire anche se non l’avete mai sentito prima. Le storie hanno un inizio e una fine, eroi e cattivi, fallimenti e successi. Esistono due modelli fondamentali per gli esseri umani – maschio e femmina – e ognuno di essi segue la stessa sequenza di base: dalla nascita alla morte, dalle ceneri alle ceneri. Non ci sono eccezioni. Anche i tassi d'interesse seguono schemi e i rendimenti hanno toccato il minimo storico nel luglio 2020. Da allora i rendimenti (e i tassi d'interesse) sono saliti, anche se non così in alto come probabilmente dovrà accadere alla fine.

Mettendo tutto ciò in prospettiva, il ciclo dei tassi d'interesse – dal massimo al minimo e viceversa – ha iniziato il suo ultimo viaggio di andata e ritorno all’incirca negli anni '50: ci sono voluti tassi più alti per i primi 30 anni e giù per i successivi 40. Perché ci sia voluto così tanto tempo, è opinabile; tutto quello che si sa per certo è che i tassi d'interesse gettano una lunga ombra e voi non volete rimanere bloccati all'interno di tale ombra. Potreste pensare che questo ciclo di rialzo dei tassi finirà presto, poiché la BCE inizierà a tagliarli entro la fine dell’anno. Ma nel profondo, al di là delle voci e dei titoli dei giornali, qualcosa è cambiato. La BCE potrebbe tagliare i tassi, ma il proverbiale genio dell’inflazione è ormai fuori dalla lampada. L’aumento dell’offerta di denaro porta a prezzi al consumo più alti e ora tutti lo sanno. Pertanto è improbabile che i tassi reali, aggiustati all’inflazione, vedano di nuovo qualcosa di simile ai minimi del 2020-2021 nel corso della nostra vita.

E questo aspetto dovrebbe far riflettere non poco coloro che continuano a essere fuorviati dalla propaganda italiana riguardo “l'investimento” in titoli di stato. Diversamente dagli investimenti in azioni od obbligazioni legati ad attività nel settore privato, che puntano a sviluppare/migliorare la capacità produttiva della relativa industria e quindi (indirettamente) ne beneficia anche il resto della popolazione, “investire” in titoli sovrani significa sviluppare/migliorare la rapacità del fisco. Infatti un'azienda che emette titoli punta a migliorare il flusso di cassa aggiungendo valore; i titoli sovrani, invece, puntano a migliorare il flusso di cassa togliendo valore... anche a chi ha investito in essi. Questa è una distinzione che fa fatica a farsi strada nell'immaginario collettivo, sottoponendo tutti indistintamente a una partita di giro ridicola col solo scopo di far sopravvivere e giustificare lo spreco sistematico rappresentato dalla spesa pubblica. Questo piccolo, ma importante, elemento di consapevolezza serve a mettere meglio in prospettiva questa breve digressione che farò sul cosiddetto Btp Valore. Già è iniziata la pubblicità a favore della prossima emissione, ma ci sono dei punti che val la pena di considerare per smascherare la propaganda al soldo di questo strumento tutt'altro che conveniente. Come prima cosa salta all'occhio la volontà di incanalare questi titoli nelle tasche dei cosiddetti “piccoli risparmiatori”, in modo da toglierli dalle mani degli “speculatori esteri” Detto in parole povere, questa affermazione serve a due cose: dare una parvenza di stabilità al mercato obbligazionario italiano, soprattutto ora che la BCE ha un equity negativo ed è legata mani e piedi nei confronti di un taglio dei tassi, e arginare l'azione dei bond vigilantes.

Ci sono voluti solo 7 giorni affinché la prima notizia avesse il seguito scontato nella seconda. In passato ci voleva di più. Anche questo è un sintomo della Legge dei rendimenti decrescenti. 1) https://t.co/rOyWCWrP3P 2) https://t.co/eVMJ0BfhWj

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 24, 2024

La presenza di quest'ultimi è un bene, non un male, perché impedisce a chi emette i titoli di adagiarsi sugli allora e riduce la possibilità che il capitale consegnato nelle sue mani venga sprecato. Gli italiani sono pessimi vigilanti da questo punto di vista, basta ad esempio guardare lo stato in cui languono le infrastrutture del Paese per capire che gli investimenti in tali titoli non verranno usati per potenziare/migliorare/sviluppare il territorio, ma dirottati altrove e quindi sperperati. Poi emerge una fede quasi dogmatica nel fatto che la BCE abbia raggiunto il picco per quanto riguarda il rialzo dei tassi e quindi questi strumenti andranno a rappresentare un ottimo mezzo per migliorare anche il rendimento del capitale iniziale. Peccato che chi osserva i mercati inverta causa ed effetto, dato che le banche centrali seguono le banche commerciali e non viceversa. E queste ultime ci suggeriscono, dalle loro azioni, che il rialzo dei tassi non è affatto finito. Soprattutto perché non hanno fiducia nella capacità industriale del Paese.

italy-loans-to-private-sector

E questo ci porta a inserire nell'analisi anche la produzione industriale dell'Italia, la quale è stata a dir poco deprimente l'anno scorso e non ci sono margini di miglioramento all'orizzonte (se si considera anche il caos nel Canale di Suez che non ha prospettive di risoluzione affatto brevi). Se poi si aggiungono anche il flop dei veicoli elettrici (il cui incentivo alla produzione è puramente artificiale), la burocrazia dilagante dell'UE e la mancanza di creazione di valore aggiunto all'interno dell'UE in termini di tecnologia digitale, ci sono tutti gli elementi affinché si guardino questi strumenti finanziari per quello che in realtà sono: un gigantesco buco nell'acqua e un dolore economico per tutti.

1/ Finché gli incentivi statali scorrono a pacchi, allora ci si può baloccare con visioni future psichedeliche. Mondi fatti di colonnine a ogni angolo, emissioni 0 e mini pale eoliche che oltre a produrre energia ti tolgono la polvere da sotto il tappeto.https://t.co/sctCtGrVTw

— Francesco Simoncelli (@Freedonia85) February 14, 2024

Un altro sviluppo “megapolitico” a cui stiamo assistendo è il declino dell’impero occidentale. Non importa cosa pensate o cosa volete, anche gli imperi hanno cicli di vita. E quello occidentale pare abbia iniziato la fase di declino intorno al 1999; da allora le sue guerre sono state dei disastri, la crescita del suo PIL è stata quasi dimezzata, la sua linea di politica estera un disastro e il suo debito è cresciuto a dismisura. Probabilmente la parte più notevole di questo elenco di fallimenti è quella meno sottolineata: il debito. Chi avrebbe mai immaginato che l'Occidente – la zona più ricca e potente del mondo – non potesse permettersi di pagare i propri conti e dovesse gravare le generazioni future con migliaia di miliardi di debiti? Il declino di un impero può essere gestito con garbo, o vergognosamente; o l’impero si tira indietro di propria volontà, oppure viene smantellato; o esegue una ritirata ordinata, oppure subisce una disfatta disastrosa.

Il modo più intelligente per gestire la situazione è tagliare drasticamente le spese, pareggiare il bilancio, contingentare il sistema bancario centrale e non farsi coinvolgere in guerre costose e impossibili da vincere. Insomma, adottare la cosiddetta cura Milei. Gli imperi, tuttavia, sono come i tossicodipendenti. Sì, anche questo fa parte degli schemi sopraccitati. Sono corrotti, incompetenti e alla disperata ricerca della prossima soluzione facile.

Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

Francesco%20Simoncelli's%20Freedonia-opentip-1676302643324
https://opentip.io/freedonia

Il punto fondamentale sulla questione Chico Forti è che la Meloni è riuscita, attraverso una serie di telefonate a Ron DeSantis, a farlo uscire di galera.

Qui c’è un piccolo dettaglio che vi voglio raccontare che non c’è sui giornali perché mi riguarda personalmente. Insieme all’amico Andrea Stroppa chiedemmo ad Elon Musk, che è molto amico di Ron DeSantis, di intercedere. Quando la Meloni si incontrò con Musk a Roma, lei e Elon parlarono di questa possibilità di far tornare in Italia Chico Forti. Musk disse che l’unica cosa che poteva fare era metterla in contatto con Ron DeSantis. Evidentemente, quei contatti hanno funzionato e la Meloni è stata molto convincente. Vi dico anche che il fatto che Ron DeSantis non corra per la presidenza degli Stati Uniti l’ha aiutato a dare il via libera al dossier su Forti. Perché se fosse stato in corsa per la Casa Bianca, col cavolo che mollava un detenuto italiano condannato dalla giustizia americana all’ergastolo. Avrebbe tenuto il punto fino alla fine.

Ovviamente non so quale sia stata la via diplomatica che abbia effettivamente portato Chico Forti in Italia. Vi dico soltanto che la Meloni l’ho vista molto concentrata su questa cosa: ogni americano che incontrava, cercava di trovare una strada per poter aiutare la famiglia. Tant’è che lo zio oggi dice: “Sono cinque anni che lei lavora in silenzio”. Sì, perché a certi dossier si lavora in silenzio, non come si è fatto con la Salis. Se tu ne fai un caso nazionale, infatti, le altre nazioni si chiudono al riccio. In 24 anni, ricorda lo zio di Chico, si sono susseguiti 14 governi e tante promesse, ma non sono mai riusciti a riaverlo. Ora sembra che tornerà. Sono pazzi di gioia tutti i parenti, lo zio e la mamma di Chico Forti e tutti quelli che gli hanno dato una mano.

Nicola Porro, dalla Zuppa di Porro del 2 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Sonno, colazione e salute sono strettamente intrecciati. Fare colazione nel modo giusto può mantenere la mente vigile, aumentare la produttività, prevenire l’aumento di peso e ridurre il rischio di malattie.

Sebbene le nostre vite frenetiche possano apparentemente non concederci abbastanza tempo per un pasto adeguato e preparato, non c’è modo migliore per iniziare la giornata che con una colazione nutriente. Trascurare l’importanza della colazione può portare ai seguenti tre effetti dannosi:

1. Assorbimento completo delle calorie che porta ad un aumento di peso

Alcune persone adottano il digiuno intermittente per perdere peso, consumando solo uno o due pasti al giorno.

Tuttavia, per alcuni, saltare la colazione non è un metodo efficace per perdere peso. La ricerca ha scoperto che il metabolismo del corpo e la sensibilità all’insulina sono entrambi più alti al mattino.

Digiunare al mattino e consumare grandi quantità di cibo la sera, può aumentare il rischio di disturbi metabolici.

Per coloro che praticano il digiuno intermittente, è probabilmente meglio mangiare prima durante la giornata e iniziare a digiunare più tardi.

Uno studio sudcoreano ha scoperto che fare colazione in modo irregolare è associato a un aumento del rischio di disturbi metabolici, soprattutto tra i giovani lavoratori di sesso maschile.

In particolare, coloro che fanno colazione in modo irregolare risultano avere un rischio maggiore del 15% di esiti metabolici anormali.

Al contrario, fare colazione contribuisce effettivamente alla perdita di peso. Uno  studio ha rilevato che per gli adolescenti in sovrappeso, fare colazione, soprattutto con cibi ad alto contenuto proteico, potrebbe migliorare la sazietà durante il giorno e ridurre il desiderio di spuntini serali.

2. Diminuzione delle prestazioni fisiche e della memoria

Saltare la colazione e impegnarsi in un digiuno prolungato nelle prime ore della giornata può portare a un basso livello di zucchero nel sangue, causando una corrispondente diminuzione dei livelli di glucosio nel cervello. Ciò, a sua volta, può provocare affaticamento, letargia, mancanza di concentrazione e declino della memoria. Tali effetti non solo influenzano l’apprendimento accademico e l’efficienza lavorativa, ma possono anche contribuire alla debolezza fisica o agli infortuni durante l’esercizio. Il nostro ritmo circadiano si basa sull’esposizione al sole mattutino e sulle calorie, per segnalare che è ora di portare il cervello e il corpo in stati attivi.

3. Rischio di malattie croniche

Saltare la colazione può aumentare il rischio di condizioni croniche, come stitichezza, ulcere allo stomaco, ulcere duodenali e calcoli biliari. Secondo una ricerca pubblicata su Public Health Nutrition nel 2021, saltare la colazione è collegato all’infiammazione cronica, così come alle malattie cardiovascolari, secondo quanto riporta una ricerca pubblicata sul Journal of Cardiovascular Development and Disease nel 2019.

Quando si mangia, il cibo stimola lo stomaco, avviando movimenti riflessi nel colon per facilitare i movimenti intestinali. Tuttavia, la regolare omissione della colazione può comportare una ridotta stimolazione dello stomaco, un indebolimento dei movimenti riflessi nel colon e infine la stitichezza.

Secondo una ricerca basata su persone che digiunavano tra l’alba e il tramonto, durante il Ramadan, il digiuno prolungato nega allo stomaco la possibilità di neutralizzare l’acido gastrico, aumentando il rischio di ulcere duodenali o gastriche. Inoltre, il digiuno durante il giorno ostacola il rilascio della bile immagazzinata dalla cistifellea, portando potenzialmente allo sviluppo di calcoli biliari o di fanghi della cistifellea.

Uno studio ha scoperto che saltare la colazione aumenta il rischio di cancro gastrointestinale, in particolare aumentando di quasi cinque volte la probabilità di cancro della colecisti e del cancro del dotto biliare extraepatico.

Mangiare al momento giusto per rimanere energici ed evitare l’aumento di peso

Idealmente, quando si dovrebbe fare colazione? Secondo la medicina tradizionale cinese (Mtc), l’orario ottimale per la colazione è tra le 7 e le 9 del mattino. La Mtc ritiene che l’energia del corpo (qi) fluisca in tutto il corpo  lungo i meridiani provenienti dagli organi interni e che il meridiano dello stomaco sia più attivo durante questo periodo.

Fare colazione in questo momento facilita la digestione e l’assorbimento nel sistema digestivo, prevenendo l’accumulo di cibo nell’addome e riducendo il rischio di aumento di peso. Inoltre, fornisce in modo efficiente i nutrienti a vari organi, promuovendo la prontezza mentale e i livelli di energia durante il lavoro.

Se possibile, prova a svegliarti un po’ prima ed evita di portare la colazione in ufficio o di mangiare fuori casa. Considera invece la possibilità di trovare un posto accogliente per la colazione nelle vicinanze e goderti tranquillamente il tuo pasto lì, oppure di preparare e consumare il tuo pasto a casa.

Mangiare congee a colazione favorisce il benessere

Molti americani amano mangiare la farina d’avena a colazione.

Questo cibo nutriente è molto paragonabile alla colazione preferita di Aisa: il congee, un gustoso porridge di riso.

Il congee, come la farina d’avena, è tra le opzioni più salutari per la colazione.

Zhang Lei, una figura letteraria della dinastia Song, una volta affermò che la difesa del congee come alimento salutare veniva spesso derisa.

Tuttavia, i segreti della buona salute risiedono nelle abitudini quotidiane. Mangiare congee al mattino può «risvegliare» la milza e lo stomaco. La sua consistenza umida è delicata sul sistema digestivo, fornendo un effetto calmante sia sul corpo che sulla mente.

Cao Tingdong, un esperto di salute della dinastia Qing, ha scritto nella sua opera Zhou Pu (Ricette del congee) che il congee è particolarmente benefico per gli anziani, promuove una buona salute e la longevità. Poiché gli individui più anziani hanno in genere funzioni digestive più deboli, il congee, ricco di sostanze nutritive, non solo fornisce nutrimento, ma nutre anche il sistema digestivo. Inoltre, mangiare congee può migliorare la circolazione sanguigna e indurre una leggera sudorazione, contribuendo al benessere generale.

Preparare il congee è semplice e richiede meno di 10 minuti.

Bisogna lavare il riso la sera prima e aggiungere ingredienti come igname cinese, patate dolci, zucca o bulbi di giglio. Mettere poi il tutto nel fornello elettrico. La maggior parte delle cucine elettriche moderne dispone di una funzione timer che consente un’impostazione per iniziare a cucinare il giorno successivo. Se lo si imposta alle 6 del mattino, sarà pronto entro le 6:40 e si potrà gustarlo alle 7 del mattino.

Si può aggiungere un po’ di sale nel congee, quindi un uovo e un pizzico di filo di maiale (il condimento cinese equivalente ai pezzetti di pancetta). In alternativa, aggiungendo un po’ di carne trita si trasforma in un congee di maiale tritato.

Per un’opzione adatta ai bambini, si può aggiungere un po’ di mais per preparare una ricca colazione fatta in casa.

3. Principi di una Colazione Sana

Sia che si prepari la colazione a casa o si mangi fuori, è fondamentale seguire questi tre principi di salute:

1. Evitare cibi crudi e freddi

Non è consigliabile mangiare cibi crudi e freddi a colazione, poiché in genere sono più difficili da digerire rispetto ai cibi cotti. E contrariamente all’opinione popolare, il nutrimento contenuto negli alimenti vegetali cotti è in genere più biodisponibile rispetto agli alimenti vegetali crudi, il che significa che il tuo corpo può assorbire meglio tali nutrienti.

Se soffri di stitichezza, potresti anche voler evitare cibi vegetali crudi. Per alcuni gruppi di persone, la fibra nei cibi crudi presenta difficoltà digestive, secondo quanto ha rilevato uno studio del 2012 pubblicato sul World Journal of Gastroenterology.

2. Limitare l’assunzione di carni lavorate

Prosciutto, pancetta e salsicce si trovano comunemente nei ristoranti per la colazione. Anche se il consumo occasionale di queste carni lavorate va bene, mangiarle regolarmente può aumentare il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto.

Uno studio nel Regno Unito, che ha coinvolto più di 470 mila partecipanti monitorati per circa sette anni, ha rilevato che il consumo di 20 grammi in più di carne lavorata al giorno (all’incirca equivalente a una fetta di pancetta) aumenta il rischio di cancro al colon del 18%.

3. Mangia amido con moderazione

Molte persone, nel tentativo di perdere peso o controllare la glicemia, si astengono dal consumare amido. Tuttavia, i cereali sono fondamentali per la salute e il corpo richiede alimenti ricchi di amido, tra cui riso, pasta, patate dolci, patate e vari cereali integrali.

Nel Classico di medicina interna dell’Imperatore Giallo si afferma che esistono «cinque cereali per il nutrimento». I cereali integrali promuovono la salute del cervello, forniscono forza fisica ed energia e aiutano i movimenti intestinali.

Non è consigliabile una colazione composta esclusivamente da frutta. Sebbene la frutta sia ricca di fibre e aiuti la digestione, è importante includere un po’ di amido per fornire energia sufficiente per i movimenti intestinali. Consumare una quantità adeguata di alimenti ricchi di amido non porta ad un aumento di peso. Anche per le persone che desiderano perdere peso, si consiglia di incorporare una piccola quantità di amido nella colazione.

Massaggio dei punti di agopuntura per un sonno migliore e una maggiore energia

Per gustare una buona colazione è fondamentale un sonno di qualità, che consenta di svegliarsi presto e di restare vigili. Massaggiare spesso il punto terapeutico Shenmen e il punto terapeutico Sanyinjiao aiuta a migliorare la chiarezza mentale e favorire un sonno ristoratore. Sebbene la prontezza mentale e il sonno ristoratore possano sembrare contraddittori, entrambi richiedono una circolazione regolare del sangue nel cervello. Il massaggio regolare di questi due punti terapeutici aiuta a regolare la circolazione sanguigna cerebrale, favorendo così la calma mentale e migliorando le capacità cognitive.

Il punto Shenmen si trova sul lato interno del polso, sulla piega del polso tra il mignolo e l’anulare. Il punto terapeutico Sanyinjiao si trova quattro dita sopra l’osso interno della caviglia, nell’incavo lungo il bordo posteriore della tibia.

430310600_962980375245636_8137934535496230825_n-300x200 Punto di agopuntura Shenmen. (The Epoch Times) 430781161_1522699858595282_4426530231868023766_n-2-300x200 Punto terapeutico Sanyinjiao (The Epoch Times)

 

 

 

 

 

 

 

Infine, auguro a tutti notti riposanti e mattinate piacevoli mentre preparate deliziose colazioni per voi e per le vostre famiglie!

 

Naiwen Hu è un medico di medicina tradizionale cinese presso lo Shanghai Tong Te Tang di Taipei, Taiwan, e professore presso la Nine Star University of Health Sciences di Sunnyvale, California. Ha lavorato anche come ricercatore di scienze della vita presso lo Standford Research Institute. Nei suoi oltre 20 anni di pratica, ha trattato più di 140.000 pazienti. Era noto per aver curato con successo il quinto paziente affetto da melanoma nel mondo utilizzando la medicina tradizionale cinese. Hu attualmente ospita un programma sanitario su YouTube che conta oltre 700.000 iscritti. È anche noto per il suo popolare road show su salute e benessere tenutosi in varie città dell’Australia e del Nord America.

Versione in inglese: 3 Harmful Effects of Skipping Breakfast

NEWSLETTER *Epoch Times Italia*

L'articolo 3 effetti dannosi del saltare la colazione sembra essere il primo su Epoch Times Italia.


La loro bandiera era in prima fila, lo scorso 23 febbraio, quando gli agenti del Reparto Mobile hanno colpito con i manganelli gli “studenti” di Pisa in corteo per la Palestina. Si chiamano “Cambiare Rotta“, organizzazione giovanile comunista che lotta “contro la crisi di civiltà del capitalismo” e “per il riscatto di una generazione tradita”. Oggi tornano in piazza, al fianco del Coordinamento degli Studenti Medi di Pisa, per ribadire il loro sostegno alla “resistenza del popolo palestinese” e per protestare contro la presunta “repressione” messa in atto dal ministro Piantedosi e dal governo Meloni contro “chi dissente con le politiche bellicistiche e guerrafondaie”. Sono di sinistra, sinistra vera. Accusano il Viminale di voler cancellare “i problemi a colpi di manganello”. Ma respingono al mittente anche la solidarietà e l’appoggio ricevuto dai sindacati e dal Pd dopo le botte di una settimana fa.

Ed è questa la notizia: gli studenti pisani schifano il Partito democratico, Elly Schlein, il Movimento Cinque Stelle e tutto quel centrosinistra che in passato, quando era al governo con Draghi, ha “manganellato e picchiato gli studenti che qualche anno fa sono scesi in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro”.

Subito dopo gli scontri, i primi a cavalcare l’indignazione per i colpi subiti dagli alunni in piazza a Firenze e Pisa sono stati proprio i due leader del “campo giusto”. Poi è arrivato anche Sergio Mattarella, con le discutibili affermazioni utili a delegittimare l’operato della polizia prima ancora che l’inchiesta interna, o quella aperta dalla procura, facesse chiarezza sull’accaduto (gli agenti si sono auto-identificati mentre i pm analizzano le denunce per resistenza a pubblico ufficiale di quattro manifestanti a Pisa e cinque a Firenze). Una solidarietà, quella della sinistra unita, che i duri e puri di Cambiare Rotta respingono al mittente, proprio come successo alcuni giorni fa a Conte quando un ragazzo gli ha rinfacciato la “testa spaccata” durante gli esecutivi da lui presieduti. “Noi contrastiamo tutti quei tentativi del centrosinistra e dei sindacati complici di sussumere la protesta delle studentesse e degli studenti per portarle all’interno di un recinto che possono controllare”, si legge nel comunicato in cui si accusano i partiti che vogliono “cavalcare l’indignazione per fini elettorali” di aver “votato per l’invio di armi” ad Israele, di non essersi opposti all’operazione militare nel Mar Rosso contro gli Houthi e di aver “manganellato e picchiato gli studenti” più e più volte.

Sentimento diffuso, quello anti-Pd. Il Coisp ha reso noto che in queste ore a Pisa sono stati affissi alcuni volantini con il logo del Movimento Anarchico e il contenuto è simile, se non identico, a quello dei giovani comunisti. Anche qui, gli studenti fanno di tutta l’erba un fascio e denunciano i “sinceri democratici” (Pd-Cgil-Arci-società civile e politicanti) che “all’improvviso” scoprono che “la polizia picchia come picchiava con i governi Prodi, Berlusconi, Renzi, Letta, Gentiloni, Conte e Draghi”.

Oggi a Pisa sono attese alcune migliaia di giovani. Appuntamento in Piazza Vittorio Emanuele II: la manifestazione, questa volta, è stata annunciata alla questura specificando anche il percorso che dovrebbe concludersi proprio in quella Piazza Cavalieri che una settimana fa era stata preclusa al passaggio. Non soddisfatti dalla rimozione del dirigente della Mobile di Firenze, gli studenti ribadiranno la richiesta di dimissioni del questore, chiederanno l’introduzione di codici identificativi degli agenti e invocheranno la fine della “repressione e del suo carattere sistemico”. Cori e invettive sono scontate. Anche contro i sindacati che hanno sostenuto “trent’anni di politiche di macelleria sociale” e che hanno lasciato “un mondo fatto di macerie e condannato le giovani generazioni ad una crisi di prospettive che oggi assume i contorni della guerra”. Quella che si spera oggi non facciano scoppiare tra le strade blindate di Pisa. 

Giuseppe De Lorenzo, 2 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).


Finalmente possiamo andare tutti in crociera grazie agli investimenti nei BTP Italia. Altrochè Bitcoin!

Aloha Finance, il podcast finanziario più irriverente d'Italia! Ogni settimana approfondimenti su finanza, macroeconomia e Bitcoin.

Ascoltaci su: https://bit.ly/AlohaFinanceSpotify

https://bit.ly/AlohaFinanceFountain

- - - - - - - - - - - - - - -

In questa puntata:

  • I nuovi BTP
  • L'inflazione in Europa
  • Record per Bitcoin

- - - - - - - - - - - - - - -

Link Utili:

- - - - - - - - - - - - - - - Speaker:

  • Marco Costanza - consulente bitcoin e content creator
  • Simone Taverna - consulente finanziario OCF

- - - - - - - - - - - - - - - Supportaci gratuitamente con una recensione a 5 stelle su Spotify!

Supportaci gratuitamente con una donazione su Fountain!

- - - - - - - - - - - - - - - Il nostro sito è: http://alohafinance.it - - - - - - - - - - - - - - - #finanza #economia #bitcoin #criptovalute #podcast


img

Dal capo dell’Alleanza atlantica al segretario alla Difesa americana, tutti fremono per iniziare l’offensiva diretta contro lo zar. Una prospettiva disastrosa che ricadrebbe in gran parte sulle spalle dell’Europa.

Continua a leggere

La settimana è stata caratterizzata da dichiarazioni sulla guerra in Ucraina degne di dilettanti allo sbaraglio. E da un solo evento veramente storico. La prima dichiarazione da dilettante allo sbaraglio è quella del presidente francese Emmanuel Macron, quando, senza consultarsi prima con nessuno, ha dichiarato: “non c’è stato alcun accordo per l’invio ufficiale di soldati sul campo, ma non possiamo escludere nulla”. Cosa? Soldati sul campo, vuol dire una sola cosa: entrare in guerra con la Russia.

Per fare un’affermazione simile occorre, prima di tutto, avere già il pieno consenso degli Usa (il principale alleato) e da una maggioranza qualificata di altri membri della Nato. Implica una strategia chiara: se i russi passano determinate linee rosse, che devono essere indicate, la Nato interviene. Peccato che nessuno ne fosse al corrente.

“Gli Stati Uniti non manderanno i propri soldati a combattere in Ucraina, il presidente Biden è stato già chiaro su questo”, ha ribattuto Adrienne Watson, portavoce del Consiglio per sicurezza nazionale Usa. “La Polonia non manderà truppe, su questo abbiamo una posizione comune con Petr Fiala” e quindi anche Polonia e Repubblica Ceca (di cui Fiala è premier) si chiamano fuori, pur essendo Paesi di prima linea. Non è mancata neppure la risposta italiana, affidata a una scarna nota di Palazzo Chigi: “il supporto degli alleati a Kiev non contempla la presenza sul territorio ucraino di truppe di Stati europei o Nato”.

Perché le truppe non servono

Peccato, perché il senso del discorso di Macron era veramente nella “giusta direzione” (parole di Dmytro Kuleba, ministro degli esteri ucraino): è interesse dell’Europa che la Russia perda la guerra in Ucraina. E per questo deve essere fatto tutto il necessario. Anche le truppe? L’unica risposta razionale è: non sono necessarie.

I Paesi Nato e i partner esterni all’Alleanza hanno finora centellinato gli aiuti all’Ucraina. Abbiamo sempre escluso armi considerate troppo potenti (perché ne abbiamo poche o perché possono essere troppo provocatorie per i russi). È proprio di questa settimana il rifiuto del cancelliere tedesco Olaf Scholz di inviare all’Ucraina missili Taurus, perché i russi potrebbero ritenersi provocati. Lo stesso discorso era stato fatto per altre armi, come i carri armati Leopard, gli anti-missile Patriot, i missili ATACMS, oltre che per gli F16, tutti tabù che sono caduti, o stanno cadendo, uno dopo l’altro.

Il “troppo poco troppo tardi” è stata la logica con cui la Nato ha aiutato finora l’Ucraina. Se veramente volessimo aiutare il Paese aggredito a non cadere, dovremmo invece ragionare come Nixon fece per salvare Israele dall’invasione del 1973: “Mandare tutto ciò che può volare”. Sarebbe una contraddizione, invece, trattenere gli aiuti per paura o per scarsità di mezzi e poi, arrivati con le spalle al muro, mandare direttamente le truppe.

Lanciandosi in queste dichiarazioni, Macron ha involontariamente svelato un bluff: nessuno dei leader Nato, a partire da Biden, vuole rischiare la vita dei suoi uomini. Dopo le parole del presidente francese e soprattutto dopo le reazioni che ha incassato, la coalizione pro-ucraina appare più divisa e più debole agli occhi dei russi.

La risposta di Putin

Al dilettante allo sbaraglio francese ha risposto Putin, nel suo discorso alla Duma del 29 febbraio. Con altre parole da dilettante allo sbaraglio, assumendosi in prima persona il ruolo del “pazzo” che solitamente era riservato all’ex presidente Medvedev. A Macron ha ricordato la campagna di Russia di Napoleone: “Ricordiamo loro (ai francesi, agli occidentali, ndr) il destino di coloro che un tempo inviavano contingenti nel territorio del nostro Paese”. Però: “ora le conseguenze per i potenziali interventisti saranno molto più tragiche”. Perché la Russia non ha alcuna intenzione di attaccare l’Europa, “è una sciocchezza”. Però: “anche noi abbiamo armi capaci di raggiungere i vostri territori”.

E se il messaggio non fosse sufficientemente chiaro, Putin ha voluto elencare i nuovi sistemi d’arma di cui dispone la Russia: “I primi missili balistici pesanti Sarmat prodotti in serie sono stati consegnati alle forze armate. Presto li mostreremo in servizio di combattimento nelle zone in cui saranno schierati”. E poi: “i test del missile da crociera a gittata illimitata Burevestnik e del veicolo sottomarino senza pilota Poseidon sono prossimi al completamento”.

Sono tutte armi nucleari strategiche: servono in una guerra contro gli Usa, in uno scenario da fine di mondo. Nominarli oggi, a seguito delle dichiarazioni di Macron, è un po’ come dire “sono disposto a far saltare il mondo, se mi garba”. E infatti Putin lo ha anche detto, con parole sue: “Tutto ciò minaccia davvero un conflitto con l’uso delle armi nucleari e la distruzione della civiltà”.

Questo discorso, se pronunciato da un qualunque leader occidentale, avrebbe comportato dimissioni immediate. Invece Putin se lo può permettere, perché ha il controllo totale delle istituzioni russe e perché ritiene di aver fatto il lavaggio del cervello ai suoi cittadini, al punto tale da far accettare loro anche l’eventualità di una guerra nucleare totale.

L’unico evento storico

In mezzo a tante dimostrazioni di irresponsabilità, spicca l’unico vero evento storico: il funerale di Alexei Navalny. Il dissidente russo, morto in una prigione nell’Artico, è stato salutato ieri, per l’ultima volta, in una chiesa alla periferia di Mosca, da migliaia di persone comuni. Nonostante la minaccia concreta di finire in galera (400 arresti solo fra coloro che portavano fiori, in suo onore, nei memoriali dei gulag), migliaia di russi hanno formato file chilometriche per rendere omaggio alla salma dell’unico oppositore di Putin.

E non è mancato neppure chi ha avuto il coraggio di scandire slogan contro il dittatore: “No alla guerra”, “Putin assassino”, “Liberate i prigionieri politici”. Il popolo russo è finora stato molto appiattito sul potere personale di Putin. Ma potrebbe sempre stupirci con qualche rivoluzionaria sorpresa. Anche quella è una caratteristica della storia russa.


Dall’1 all’8 febbraio gli Stati Uniti e il Giappone, con la partecipazione delle forze australiane, hanno condotto l’operazione Keen Edge, una serie di esercitazioni sul posto di comando e di addestramento sul campo nelle basi in Giappone e Hawaii.

L’operazione Keen Edge è «per definizione diretta alla Cina», ha spiegato a Stars and Stripes Grant Newsham, colonnello dei marine in pensione e ricercatore senior presso il Japan Forum for Strategic Studies di Tokyo.

I legislatori giapponesi continuano inoltre a spingere per l’implementazione di rifugi antiaerei. Yoshimasa Hayashi, capo segretario di gabinetto del governo giapponese, ha dichiarato il 13 febbraio alla commissione Bilancio della Camera dei rappresentanti giapponese che il governo proporrà la costruzione di rifugi di evacuazione entro la fine di marzo per proteggere i civili in caso di attacco straniero.

Nel frattempo, Tokyo costruirà un importante rifugio antiaereo sotterraneo sotto la stazione centrale della metropolitana Azabu-Juban nel quartiere Minato di Tokyo: «Abbiamo preparato altre strutture di evacuazione in passato, ma considerando quanto siano difficili gli affari internazionali in questo momento, riteniamo che sia importante prepararsi per la minaccia seria e significativa dei missili balistici», ha riferito al Japan Times il governatore di Tokyo Yuriko Koike.

Il 12 febbraio, il Giappone ha condotto un’esercitazione di difesa simulando un attacco con missili balistici sull’isola di Ishigaki, parte della catena di isole Nansei sud-occidentali del Giappone, a 186 miglia da Taiwan.

Il 14 febbraio, il ministro della Difesa giapponese Minoru Kihara ha incontrato l’ambasciatore statunitense Rahm Emanuel. I due funzionari hanno affermato l’impegno del Giappone e degli Stati Uniti a lavorare insieme per rafforzare le capacità di difesa.

Inoltre, il mese prossimo l’esercito americano addestrerà le forze di autodifesa giapponesi all’uso dei missili da crociera Tomahawk acquistati dagli Stati Uniti. Il 18 gennaio, il Giappone ha infatti firmato un accordo per l’acquisto di 400 missili Tomahawk, che possono essere utilizzati per attaccare i siti di lancio missilistici nemici, dando al Giappone una capacità di contrattacco.

In una conferenza stampa Emmanuel ha elogiato la mossa: «Mentre gli aggressori diventano sempre più bellicosi, il Giappone è in prima linea tra i Paesi che si mobilitano per proteggere la pace e la prosperità aumentando i fondi anti aggressione».

La trasformazione pianificata dell’esercito americano

Nell’ottobre 2023 allo  Strategic Landpower Dialogue, organizzato congiuntamente dall’Associazione dell’esercito americano e dal Centro per gli studi strategici e internazionali, il generale Charles Flynn, comandante generale dell’Esercito del Pacifico degli Stati Uniti, aveva espresso preoccupazione per la minaccia della Cina per il prossimo decennio: «Quello che hanno fatto negli ultimi 10 anni e quello che stanno segnalando di voler fare e intendendo fare nei prossimi 10 anni, dovrebbe essere preoccupante per tutti noi».

La Cina è «su un percorso pericoloso».

Flynn ha quindi sottolineato l’«importante missione» dell’esercito americano nell’Indo-Pacifico. Di fronte alla continua aggressione del Pcc, l’esercito si sta infatti imbarcando nella più grande trasformazione degli ultimi decenni.

Presentato lo scorso autunno, Army 2030 è il piano pluriennale dell’esercito americano per mantenere la prontezza alla guerra e adattare attrezzature e organizzazione per affrontare meglio i principali avversari. Il piano Army 2030 segue le priorità previste nella Strategia di sicurezza e difesa nazionale del 2022, che hanno identificato Cina, Russia, Corea del Nord, Iran e vari gruppi terroristici come minacce acute e persistenti.

La Multi-Domain Task Force (Mdtf) dell’esercito americano è progettata per migliorare le capacità di dispiegamento nella regione del Pacifico e scoraggiare il Pcc dall’espandersi strategicamente fino al punto in cui potrebbe iniziare una guerra.

L’Mdtf è il fulcro degli sforzi dell’Esercito per affrontare le minacce poste alla sicurezza nazionale operando in un ambiente multi-dominio: aria, terra, acqua, spazio e cyberspazio. La prima unità Mdtf è stata istituita nel 2017. Attualmente esistono unità Mdtf nello Stato di Washington, nelle Hawaii e in Germania.

A novembre, delle unità militari statunitensi, tra cui l’Mdtf, hanno condotto esercitazioni a fuoco vivo con il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità (Himars), che può lanciare missili di precisione a lungo raggio, a Palau, nell’Oceano Pacifico occidentale.

Vi sono crescenti preoccupazioni circa l’assertiva presenza marittima della Cina nelle vicinanze dell’isola. Il presidente di Palau ha annunciato a settembre che gli Stati Uniti e Palau stavano discutendo lo spiegamento permanente di sistemi avanzati di difesa missilistica sull’isola.

Le esercitazioni facevano parte dell’addestramento Mdtf dell’esercito americano, progettato per preparare le truppe americane a una rapida prontezza al combattimento sulle isole in caso di emergenza.

La guerra sulle isole era originariamente la missione di combattimento del Corpo dei Marines, ma l’esercito si sta trasformando in una forza in grado di combattere sulle isole.

Per contrastare la Cina, l’esercito americano sta schierando missili di precisione e a lungo raggio per la Multi-Domain Task Force (Mdtf), e nel prossimo futuro prevede di schierare armi ipersoniche con una gittata di oltre 2.700 chilometri.

L’esercito americano sta inoltre espandendo le esercitazioni militari congiunte con i Paesi del sud-est asiatico e costruendo attivamente sistemi di supporto.

Il mese scorso, il generale Flynn ha dichiarato all’emittente pubblica giapponese Nhk che gli Stati Uniti possono contrastare la Cina in solidarietà con gli alleati: «Penso che l’unione della rete del potere territoriale sia il contrappeso al comportamento irresponsabile e insidioso della Repubblica Popolare Cinese».

L’avanzamento della tecnologia militare del Giappone

Dalla fine di gennaio all’inizio di febbraio, il Ministero della Difesa giapponese ha tenuto a Tokyo una nuova mostra sulle armi e sulla tecnologia militare per favorire la partecipazione delle start-up al settore della Difesa giapponese.

Alla mostra hanno partecipato complessivamente 40 start-up. Nel suo discorso di apertura, Yasuhiro Takami, membro del parlamento giapponese e consigliere speciale del Ministero della Difesa, ha sottolineato che l’uso di tecnologie all’avanguardia è fondamentale per la difesa nazionale: «Il Giappone utilizzerà attivamente e rapidamente le tecnologie all’avanguardia delle startup e continuerà a procurarsi attrezzature di difesa per le nuove esigenze di combattimento».

Il Giappone ha annunciato in tre documenti sulla sicurezza nazionale, inclusa la Strategia di sicurezza nazionale formulata nel dicembre 2022, che utilizzerà attivamente tecnologie all’avanguardia del settore privato per la ricerca e lo sviluppo di attrezzature militari. Le Linee guida sulla tecnologia di difesa 2023 pubblicate dal Ministero della Difesa giapponese nel giugno dello scorso anno richiedevano specificamente il rafforzamento della cooperazione con le startup.

L’Agenzia per l’acquisizione, la tecnologia e la logistica del Ministero della Difesa giapponese istituirà un nuovo istituto di ricerca nel 2024 per collegare tecnologie all’avanguardia come l’intelligenza artificiale e i droni con lo sviluppo di armi.

Seguendo l’esempio della Defense Advanced Research Projects Agency (Darpa) degli Stati Uniti e della Defense Innovation Unit (Diu), che hanno creato tecnologie come internet e il Global Positioning System (Gps), il Giappone prevede di introdurre attivamente tecnologie di startup.

Il governo giapponese prevede di spendere circa 43mila miliardi di yen (circa 302 miliardi di dollari) nei prossimi cinque anni fino al 2027, aumentando in modo significativo il budget annuale per la Difesa. Mitsubishi Heavy Industries prevede che le vendite di attrezzature per la difesa nell’anno fiscale 2026 raggiungeranno mille milliardi di yen (6 miliardi e 146 milioni di euro), più del doppio delle vendite degli anni precedenti.

 

Versione in inglese: Japan and the US Improve Warfighting Readiness in Face of Threats from the CCP

NEWSLETTER *Epoch Times Italia*

L'articolo Il Giappone e gli Stati Uniti migliorano la prontezza bellica di fronte alle minacce del Pcc sembra essere il primo su Epoch Times Italia.


Cultura

Ciascuno di loro è una freccia multicolore nel costato delle patrie lettere e dovrebbe essere ripreso dallo scrigno, dalla teca di cristallo e sogni, dentro cui ora riposa

Andrea Venanzoni — 1 Marzo 2024

“La vita con il suo dolore mi insegna a vivere”, in lode di cinque poeti: da Salvia a Galloni

“La terra è fatta di cielo”, ha scritto Fernando Pessoa in La morte è la curva della strada. E la morte, misura di ogni cosa e ritorno alla terra nella congiunzione di emozioni e ossa, è l’ellissi sagittale che in maniera tanto desolata quanto calda, incandescente quasi, accomuna cinque straordinarie figure. Poeti. Senza ulteriori aggettivi. Tutti morti giovani, per propria scelta o per eventi del caso e come spesso avviene, quando la morte si congiunge in armonica danza con il lirismo della poesia, obliati o ricordati principalmente per l’elemento anagrafico o per il dato della morte. Eppure. Ciascuno di loro è una freccia multicolore nel costato delle patrie lettere e dovrebbe essere ripreso dallo scrigno, dalla teca di cristallo e sogni, dentro cui ora riposa.

Giuliana Brescia. Commiato dal mondo deciso con le sue mani a soli 28 anni nel 1973, con quell’impeto michelstaedteriano che conduce al farsi fiamma di se stessi, e una serie di versi ctoni, colmi di abissale rifiuto per la pena dell’esistenza, declinata questa come campo di lotta e come vangelo di ombra e dicotomia feroce tra riaffermazione di sé e inevitabile, ineludibile sconfitta. Tra le sue opere, “Canovacci di racconti che non scriverò”, “Lettere di un soldato”, “Tele di ragno”, la raccolta postuma “Poesie del dubbio e della fede”.

Beppe Salvia. Che del rinnovamento della poesia, in senso stilistico ma pure visceralmente sostanziale, fece missione e che fu pietra angolare negli anni Settanta, collaborando con la rivista Prato Pagano e fondando Braci, di un impeto, di una risalita verso il cielo nero del poetare. “La vita con il suo dolore mi insegna a vivere, ma quasi senza vita”. Professione di un sentimento realissimo e cupo, senza compiacimento, disossante, macina del peso esistenziale. Di lui, Marco Lodoli ha lasciato un bellissimo e altamente simbolico ricordo, “Morte d’un giovane poeta”, apparso sulle pagine di Paese Sera dopo il suicidio di Salvia.

Salvatore Toma. “Io sono morto per la vostra presenza”, lapidario nella morte come nella vita, nella assenza come nella presenza. Una delle voci più puntute, crudelmente sincere e acute della poesia italiana. Raccolti i suoi versi in “Canzoniere della morte”, e la morte, l’annullamento, il senso di asfissia ma anche quello, spettrale e trickster, di gioiosa epifania e di ballo con una morte vista davvero, nella sua verità, solo dagli occhi di chi ama davvero la vita ne compongono ordito metafisico.

Simone Cattaneo. Difficile sempre ricondurre all’immaginifico letto di Procuste delle categorie e delle definizioni. Ma nel caso di Cattaneo è difficile sul serio. Dolorosamente difficile. Corrosivo. Urticante. Capace di spezzare l’apnea di una tradizione poetica consolidata sovente nella noia e capace, lui, di guardare il dolore, quello senza speranza alcuna di guarigione, da dentro, nel groviglio cosmogonico di viscere. “Faro nella burrasca”, lo ha definito Giorgio Anelli. E Cattaneo è stato tanto faro quanto burrasca. Generoso. Irruento. Violento nelle scelte linguistiche e rude e lirico. Sarah Kane e Simon Armitage italiano, aderente nel lessico a una guerra senza quartiere contro i demoni del reale e contro quel deserto che cresce, insondabile, silente ma ferocissimo, fino a spalancarti la fornace di inferno. “Peace & Love”, ne raccoglie alcuni versi assai significativi.

Gabriele Galloni. Straordinario, empatico cantore di una sofferenza quasi liturgica, in questo affine al percorso esistenziale di Cristina Campo, per la quale la condizione di malattia assunse i contorni della vertigine di metafisica e di un giardino di potere espressivo. E la consonanza con la ricerca campiana di luce e di stelle, pur qui nei profili umbratili e quasi rovesciati della non-esistenza, emerge da questo intenso dialogo con i morti che Galloni ha cesellato nei suoi versi, “i morti tentano di consolarci/ma il loro tentativo è incomprensibile:/sono i lapsus, gli inciampi, l’indicibile/della conversazione. Sanno amarci/con una mano – e l’altra all’Invisibile”.

877ec72485d253b80855c1e7f25f3454

© Riproduzione riservata


Il risultato elettorale delle elezioni regionali sarde va preso con le pinze.

I moderati senza casa – Alessandro De Nicola

L'articolo I moderati senza casa proviene da The Adam Smith Society ETS.


Perché espandere la base monetaria non può risolvere la riduzione del potere di acquisto? Puntata imperdibile con i mitici: GGCRITPO e AABX2. Partiamo da un breve riassunto delle news e poi andiamo a tutta velocità nel fulcro della discussione. Che impatto hanno le politiche monetarie sugli stipendi? Come si trasmette una politica monetaria? Diretta nel top 3 delle migliori puntate del Cabana. Chi ha orecchie per intendere intenda. Chiudiamo in bellezza con discussione sul futuro degli exchange nell'era degli ETF. Come sempre, solo consigli di studio. Tutto ciò che noi e gli ospiti diciamo non è consiglio di investimento. I dati che citiamo sono accurati per quanto ne capiamo ma da usare a proprio rischio e pericolo. 00:00 Intro 00:50 Nancy e Cybersecurity 09:15 Microstrategy 12:58 S T I P E N D I 22:51 Politiche monetarie e salari 27:50 Velocità della moneta 34:16 CBDC 38:40 Strumenti AI per fondi? 46:36 Futuro degli exchange 56:18 Guerra a Binance GGCRIPTO: https://twitter.com/ggcripto AABX2: https://twitter.com/aabx2 🔊🔊 Audio Links 🔊🔊 Apple Podcasts: https://podcasts.apple.com/it/podcast/bitcoin-cabana/id1561631462 Google Podcasts: https://podcasts.google.com/feed/aHR0cHM6Ly9mZWVkcy5zb3VuZGNsb3VkLmNvbS91c2Vycy9zb3VuZGNsb3VkOnVzZXJzOjI5NjE1NTg5MC9zb3VuZHMucnNz Spotify: https://open.spotify.com/show/2GqAcWtIJ7Yf2FXspe6zk6?si=fef18c104e124280&nd=1 Fountain: https://fountain.fm/show/hfsmBsJaITsc0T2C7IjB


Se il passaporto si richiede (e si rinnova) alle Poste

Un anno fa scrivevamo del calvario vissuto per l’attesa del passaporto, sia che fosse nuovo sia che si trattasse di un rinnovo. Nel febbraio del 2023, infatti, in diverse province i primi appuntamenti risultavano disponibili a distanze di tempo fino agli otto mesi. Il Governo, così, ha deciso di correre ai ripari con il progetto Polis. La finalità è richiedere il rilascio del documento negli uffici postali dei Comuni con meno di 15mila abitanti. La ministra del Turismo, Daniela Santanchè, ha rimarcato il lavoro di squadra del suo Dicastero, del ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi e di Poste Italiane. “Una risposta – ha sottolineato – che testimonia, ancora una volta, la capacità del Governo Meloni di intervenire in modo pragmatico con soluzioni strutturali e durature nel tempo a favore degli italiani”.

Sulla questione dei passaporti, ha osservato Piantedosi, “stiamo subendo comprensibili e ragionevoli critiche ma stiamo facendo un grande sforzo e nel 2023 sono stati rilasciati oltre 2.700.000 passaporti, un milione in più rispetto al trend consolidato degli anni precedenti. Ancora non basta – ha ammesso – ma con il progetto Polis comincia un processo virtuoso che progressivamente interesserà un quarto della popolazione italiana”. Secondo il ministro “è un progetto importante, che cade in un momento di grande sofferenza del Viminale nel gestire la missione del rilascio dei passaporti, conseguenza anche del fatto che c’è stata un’esplosione del fabbisogno dopo la pandemia e la Brexit”.

Aggiornato il 01 marzo 2024 alle ore 19:31


di ETTORE BEGGIATO

Il primo marzo è sempre stato considerato nella storia della Repubblica Veneta il capodanno veneto;  nei documenti e nei libri di storia si trovano le date relative ai mesi di gennaio e febbraio seguite da “more veneto” per sottolineare questa peculiarità veneta: incominciando l’anno veneto il primo di marzo, gennaio e febbraio erano gli ultimi mesi dell’anno passato (si veda, come esempio, la data del comunicato).

Il capodanno veneto originariamente era stato fissato al 25 marzo, giorno della fondazione di Venezia (421),  per i credenti giorno dell’annunciazione del Signore,  e, secondo una leggenda greca, giorno della creazione del mondo; in un secondo tempo fu anticipato al primo marzo per comodità di calcolo. Emblematico quanto successe il 9 marzo 1510 nel luogo ove adesso sorge il Santuario della Madonna dei Miracoli a Motta di Livenza (Tv), la Madonna apparve a un contadino del posto e gli disse “Bon dì e bon ano!”

Per la verità nelle tradizioni delle nostre comunità un ricordo del capodanno veneto ha continuato, magari inconsciamente, ad essere presente: pensiamo al “bati marso”, al “brusar marso”, ai botti prodotti spontaneamente con il carburo… Un altro tassello della nostra storia e della nostra identità che va valorizzato, anche per onorare il Serenissimo Bepin Segato che più di ogni altro si era impegnato per riproporre questa festa.

The post Primo di marzo, il capodanno veneto è arrivato appeared first on Miglioverde.